Un miraggio mistico

La letteratura russa e i suoi capolavori

Letteratura russa patrimonio mondiale. Poche letterature fanno concorrenza a quella italiana: una di queste è quella russa. Il parere del prof. Angelo Ivan Leone.

Letteratura russa patrimonio mondiale

Ci sono poche letterature al mondo in grado di, non dico fare concorrenza, ma almeno tenere il passo con la letteratura italiana. Una tra queste è sicuramente la letteratura russa. La storia della sua grandezza è scritta negli stessi nomi che si sono imposti al mondo con la forza delle loro opere. Da Gogol con il suo realismo e la sua mistica patria ben presente in capolavori come Taras Bul’ba a Dostoevskij con le sue gemme Delitto e castigo e l’idiota, che sosteneva che tutti siamo usciti dal “cappotto” di Gogol, a Tolstoj con il suo leggendario Guerra e Pace e Anna Karenina a Cechov con le sue opere teatrali Ivanov e La steppa.

Per finire con le opere dei poeti come Mandel Stam, Majakovskij e i grandi narratori del Novecento russo: Vladimir Nabokov con la sua Lolita, Pasternak con il Dottor Zivago e Solzenicyn e il suo tremendo e vero Arcipelago Gulag.

Letteratura russa patrimonio mondiale: Puskin

A tutta questa schiera di immensi poeti, romanzieri e drammaturghi, c’è da aggiungere e da inserire come capitolo a parte, un nome, quello di: Aleksandr Sergevic Puskin. Nella letteratura russa, infatti, si può distinguere un prima di Puskin e un dopo Puskin e, poi, naturalmente c’è lui: Puskin, l’unico e solo. Talmente grande e titanico da essere quello che Manzoni è stato in Italia e Hugo in Francia. Non solo un grandissimo letterato, romanziere, intellettuale, poeta e uomo di pensiero. Ma qualcosa di più e di unico: la coscienza della propria patria.

Di lui restano immortali i saggi, le opere teatrali, quelle narrative in prosa, le fiabe e i racconti in versi e le poesie. In versi Puskin scrisse quello che è per me il suo romanzo più bello: l’Eugenio Onegin. In questo romanzo c’è tutto quello che può fare innamorare della letteratura russa: una sorta di trascendenza, di miraggio mistico e di grandezza impareggiabile.

Si narra che quando Puskin lo stava scrivendo rispose a un amico

sto scrivendo non un romanzo,

Tatiana | Liv tyler, Liv tyler 90s, Arwen
Liv Tyler, Tatiana nel film Eugenio Onegin

ma un romanzo in versi, differenza diabolica.

Fu talmente grande che fu messo in musica e portato in teatro, e infine al cinema, dove ancora oggi lo si può ammirare. Un qualcosa di eterno. Un capolavoro immortale.

Angelo Ivan Leone 

 

 

[in copertina ph. archivio Teatro alla Scala]

1 commento su “Un miraggio mistico”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.