Argentina 1978: una coppa piena di sangue

Una delle dittature più funeste: quella argentina. Il XX secolo e la (strana) storia delle democrazie

XX secolo dittatura argentina. Un exursus nella storia per ricordare le dittature argentine e l’impulso funesto del dopoguerra.

XX secolo dittatura argentina

Tra le varie dittature che hanno funestato il XX secolo, una menzione speciale meritano le dittature sudamericane del secondo dopoguerra.

Tra queste dittature, tutte formatesi con la diretta o indiretta partecipazione degli Usa, secondo la dottrina Monroe “l’America agli americani” che poi voleva dire l’America, tutta l’America, agli Usa, spiccano le dittature dei macellai nazistoidi come il cileno Augusto Pinochet e la dittatura della giunta militare in Argentina sotto la guida del tenente generale Jorge Rafael Videla.

La dittatura argentina, passata alla storia con la definizione propria dei golpisti di processo di riorganizzazione nazionale, durò dal 1976 al 1983. Questa dittatura ebbe modo di sterminare un’intera generazione di argentini – quasi 30000 persone – in maggioranza giovani operai, studenti e contadini che morirono nei massacri ordinati dalla Junta.

Il programma politico dei golpisti era abbastanza chiaro e definito fondato su di un anticomunismo viscerale e retrogrado dai caratteri belluini, un clericalismo medievale e una politica neoliberista di importazione statunitense che condusse l’Argentina al disastro.

XX secolo dittatura argentina. I desaparecidos

Furono gli anni dei migliaia di desaparecidos, dei tormenti, delle torture e dei supplizi con i voli della morte e le persone lanciate vive nell’oceano Atlantico da parte dei sicari della giunta militare.

Quegli orrori sono stati recentemente ricordati con film come Garage Olimpo e La notte delle matite spezzate. Questa dittatura argentina, come quella cilena si differenziano specificatamente dalle classiche dittature di destra: nazifasciste, comuni all’Europa tra le due guerra, perché furono dittature di stampo neoliberista e ultracapitalista che si attuarono, come ricordato, con la diretta o indiretta responsabilità degli Stati Uniti d’America.

In campo economico il carattere neoliberista della dittatura argentina si rivelò un disastro per il Paese. Il canto del cigno di questa scellerata conduzione politica ed economica furono i Mondiali di Argentina 1978 vinti, e non poteva essere altrimenti, proprio dai padroni di casa che affrontarono l’Olanda in una vergognosa finale in cui si concesse all’Albiceleste di tutto e di più, da parte dell’arbitro italiano.

Il Mondiale del 1978 e il paradosso argentino

La vittoria con cui l’Argentina conquistò il suo primo trofeo mondiale avvenne nello Estadio Monumental di Buenos Aires, a poche centinaia di metri dal peggior centro di detenzione di prigionieri politici della dittatura: la Escuela de Meccanica de la Armada. La Esma in cui vennero trucidate più di 5000 persone.

L’ironia della sorte e della storia volle che la Junta dei dittatori, issati al potere dagli Us, perdessero tutto quando credettero di battere gli inglesi strappando loro le isole Falkand/Malvinas. Gli inglesi della Thatcher ridicolizzarono i militari argentini e la giunta dei sanguinari macellai dovette cedere il potere. La Thatcher fu la stessa che quando Pinochet era impossibilitato dal lasciare l’Inghilterra, in attesa di essere processato, come furono processati Videla e gli altri, per crimini contro l’umanità, andò a trovarlo dichiarando che Pinochet aveva “restaurato la democrazia nel suo Paese”. Sic transeat…

Angelo Ivan Leone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.