La tua personal shopper. L’armadio dei sogni: le 7 regole da seguire per crearlo

Poche regole da seguire per avere un armadio sempre in regola ma che rispecchi soprattutto gusto, desideri e stile personale

Personal shopper armadio sogni. Come creare un armadio che rispecchi i nostri sogni? Ecco qualche suggerimento della nostra esperta Ottavia Ditroia

Personal shopper armadio sogni

Ottavia Ditroia

Uno dei servizi che offre una personal shopper è quello di riorganizzare il guardaroba in modo che diventi perfetto per la persona che lo utilizza, perché l’armadio segue il corso della nostra vita e non è mai uguale a un altro. Ognuna di noi, infatti, ha delle esigenze e uno stile di vita propri, quindi il guardaroba deve rispondere ad entrambi.

E’ per questo che oggi vi spiego quali sono le 7 regole base che ognuna di noi dovrebbe seguire per creare l’armadio dei sogni, quello che ti fa commuovere di felicità quando lo apri perchè sei innamorata persa di ciò che contiene e, soprattutto, quello che non ti fa disperare perchè non hai niente da indossare.

Personal shopper armadio sogni: 7 suggerimenti

  1. CONOSCERE IL PROPRIO STILE: prima di comprare abiti e inserirli nell’armadio, è importante sapere qual è il proprio stile. Ciò permetterà di avere capi che ci rispecchiano e che si abbinano perfettamente tra di loro con un risparmio enorme sia di tempo che di denaro. Se non sappiamo con esattezza qual è il nostro stile, fermiamoci per un attimo a pensare a cosa ci piace indossare in particolare; ecco: tutti questi capi che amiamo di più, costituiscono il nostro stile personale. Ricordate, poi, che una personal shopper è una consulente esperta che può senz’altro aiutarvi in questo;
  2. CONOSCERE LA FORMA DEL PROPRIO CORPO: è essenziale sapere esattamente che forma ha il nostro corpo per poterlo esaltare con la scelta dei giusti abbinamenti sia per colore che per forma. Questo comporterà anche un risparmio economico perché sapremo cosa comprare e non commetteremo l’errore di fare un acquisto che non ci valorizza;
  3. CONOSCERE LA PROPRIA TAGLIA: sembra un argomento scontato, ma non lo è affatto. Scegliere la giusta taglia è ciò che fa sembrare su misura un outfit. Molte di noi, poi, indossano taglie diverse tra parte superiore e inferiore del corpo e questo bisogna saperlo quando si fanno degli acquisti perché si evita di comprare capi che poi ci stanno troppo stretti o troppo larghi. La cosa diventa ancora più importante quando si fa shopping online. A tal proposito, mi raccomando: guardate sempre la tabella taglie, perché ogni brand ha i suoi parametri;
  4. CONOSCERE LA GAMMA COLORI CHE CI STA MEGLIO: sappiamo che non tutti i colori ci stanno bene perché ci sono quelli che ci valorizzano e quelli che ci “spengono”. Puntiamo sempre su tutte le tonalità che, accostate al viso, ci “illuminano“, rendono le nostre gote più rosee e i nostri occhi più brillanti. In base a questo, stiamo attente poi a scegliere il resto dei capi “in palette”, cioè che si abbinano tutti fra di loro. Dopo aver fatto questo, godrete di un enorme risparmio di tempo nella creazione dell’outfit, ma anche di denaro perché comprerete solo ciò che vi fa belle. Nella scelta della palette, l’aiuto della personal shopper è irrinunciabile;
  5. CONOSCERE IL NOSTRO STILE DI VITA: e, in base a questo, organizzare il nostro armadio. Per esempio: se trascorrete gran parte della vostra giornata al lavoro e uscite solo nel week end, componete l’armadio per l’80%  con capi più formali e per il 20% con capi più adatti alle uscite serali, e viceversa. Insomma: adattate il vostro guardaroba alle vostre esigenze quotidiane e non comprate un capo che non vi serve solo perché è bello o scontato o di moda, perché rischiate di farlo marcire nell’armadio e noi questo non lo vogliamo;
  6. FARE UNO SHOPPING INTELLIGENTE: significa comprare solo capi/accessori davvero utili, in base a tutto ciò che abbiamo detto finora. Come si fa? E’ buona norma uscire di casa con una bella lista di capi che ci mancano e fare di tutto per rispettarla. Solo così eviteremo di commettere l’errore dello “shopping d’impulso”. Tanto poi ce ne pentiamo.
  7. IMPORSI UN BUDGET: prima di uscire a fare shopping chiediamoci: “Quanto voglio spendere?”. Diamoci una cifra e rispettiamola! Oppure, decidiamo di destinare, per esempio, una parte precisa del nostro stipendio mensile allo shopping o di dedicare 1 sabato al mese, 1 alla settimana, 1 ogni 2 mesi… e rispettiamo il patto con noi stesse. E’ importantissimo darci un budget, perché si risparmia facendo acquisti eccellenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma come può aiutarmi concretamente una personal shopper? Cosa può fare per me?

  • Organizza uno shopping tour per farmi trascorrere una giornata all’insegna degli acquisti intelligenti;
  • Si occupa dello shopping on demand: quando non ho tempo di fare un acquisto lo fa lei al mio posto;
  • Si occupa della mia immagine consigliandomi al meglio per farmi sentire più bella e in pace con me stessa;
  • Si occupa di riorganizzare e migliorare il mio guardaroba;
  • Fa anche consulenze on-line per me che non abito nella sua stessa città
  • Mi accompagna perfino a scegliere il mio abito da sposa perfetto per il mio giorno più bello ️

Ecco perché non devo esitare un solo istante e devo chiamarla per approfondire le mie esigenze di shopping.

Ottavia Ditroia

1 commento su “La tua personal shopper. L’armadio dei sogni: le 7 regole da seguire per crearlo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.