La circolazione stradale ai tempi del covid 19: cosa è utile sapere per spostarsi in modo autorizzato e lecito

Cosa è consentito durante il periodo di restrizioni

Covid19 circolazione stradale consentita. Come si si può spostare in questo periodo di restrizione? L’analisi degli esperti.

Covid19 circolazione stradale consentita

L’emergenza epidemiologica da c.d. Covid-19 (più noto come Coronavirus) ha purtroppo portato con sé una serie di conseguenze restrittive inerenti la nostra (sacrosanta) libertà di circolazione.

Fermo restando che, in ogni caso, ogni spostamento in questa fase (almeno fino al 3 Maggio) deve essere strettamente limitato a 4 casi, ovvero “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” (per i soli casi di “trasferimenti in comune diverso”), “situazione di necessità'” e “motivi di salute”, ci si pone il problema se, limitatamente ai suddetti casi, oltre che a piedi (naturalmente sempre con regolare auto-certificazione al seguito), ci si possa muovere con un mezzo (moto o auto che sia) e, soprattutto, quali siano le possibili conseguenze dei suddetti spostamenti.

Vogliamo evidenziare alcuni passaggi delle disposizioni attualmente vigenti e diffondere una mini guida tecnico-operativa per i cittadini e per tutti i soci della nostra associazione di promozione sociale Accelerate piano.

Covid19 circolazione stradale consentita: spostarsi con un mezzo

In linea generale, l’art. 4 del Decreto Legge 25 Marzo 220, n° 19, invero, non stabilisce un vero e proprio limite alla circolazione dei veicoli, ragion per cui è possibile, sempre per le specificate motivazioni, spostarsi con un mezzo.

Se, tuttavia, si eccedono i casi previsti dalla normativa, oltre al pagamento della sanzione pecuniaria di euro 400,00, qualora il fatto sia commesso “mediante l’utilizzo di un veicolo”, la stessa sanzione sarà aumentata di un terzo, arrivando pertanto ad euro 533,00.

Dubbi interpretativi, tuttavia, si pongono nel caso in cui un soggetto sia meramente a bordo di un veicolo a motore, senza tuttavie esserne alla guida. Nel qual caso, ricorrerà o meno l'”aggravante” dell’illecito commesso “mediante l’utilizzo del veicolo”?

Così, la suddetta norma va letta in combinato disposto con l’altra, di cui al Dpcm dell’1 marzo 2020, “recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Si é individuato, infatti, nella misura di un metro di distanza interpersonale tra individui, quella ritenuta adeguata a scongiurare il rischio di contagio.

In moto si può circolare con il passeggero?

In moto, vista l’impossibilità di tenere le distanze, bisogna spostarsi da soli, a meno che il passeggero non sia un convivente, circostanza riscontrabile dai documenti personali da esibire alle autorità in caso di controllo.

Trasporto in auto degli animali domestici

Molti cittadini ci hanno chiesto se possono portare in auto i loro animali domestici, pertanto è di fondamentale importanza precisare e chiarire che: in caso di emergenza (se il cane o il gatto stanno male) si configura lo stato di necessità, ma è necessario per spostarsi sempre con l’autocertificazione. Inoltre, consigliamo in quest’ultimo caso di contattare telefonicamente il veterinario per prenotare la visita e verificare l’applicazione dei protocolli di sicurezza.

Qualora la visita veterinaria non sia un’emergenza ma sia comunque indifferibile, è comunque possibile portare l’animale dal veterinario, ma occorrerà chiedere a quest’ultimo una prescrizione/dichiarazione con la quale si attesti lo stato di indifferibilità della visita.

Se l’animale dovesse subire un ricovero, evidenziamo che non sarà possibile recarsi ogni giorno a trovarlo, non essendo questa ipotesi contemplata nello stato di necessità, ma certamente sarà possibile recarsi presso la clinica veterinaria per riprenderlo al termine delle cure, stando attenti a portare con sé il certificato di dimissioni da allegare all’autodichiarazione che sarebbe bene farsi anticipare a mezzo mail dalla clinica veterinaria.

Revisione dei veicoli da sottoporre a controllo

E’ utile evidenziare, ancora, che per la revisione dei veicoli da sottoporre a controllo annuale o periodico, che scada in periodo di restrizioni:

– per i veicoli con revisione scaduta o che scade dal 17 marzo fino al 31 Luglio 2020, è consentita la circolazione fino al 31 ottobre 2020 senza necessità di effettuare la revisione;
– per i veicoli da sottoporre a revisione dopo il 31 luglio 2020, resta valida la scadenza originaria e non beneficiano pertanto della proroga;
– per i veicoli con revisione scaduta ma la cui prenotazione di revisione cade dopo il 31 luglio 2020, è consentita la circolazione fino alla data di avvenuta prenotazione, secondo le regole ordinarie.

Scadenza di validità della patente di guida

L’art. 104 del Decreto Legge c.d. “Cura Italia” ha previsto per le patenti di guida, in scadenza dal 31 gennaio 2020, la proroga della loro validità fino al 31 agosto 2020. Tale norma si applica tanto alle patenti di guida rilasciate in Italia che a quelle rilasciate da altri stati membri a titolari aventi residenza in Italia.

Proroga di validità di autorizzazioni, concessioni o altri titoli abilitativi o atti amministrativi in scadenza

L’art. 103, comma 2, del Decreto Legge c.d. “Cura Italia” ha prorogato la validità delle autorizzazioni e dei titoli abilitativi aventi scadenza tra il 31 gennaio ed il 15 aprile 2020, fino al 15 giugno 2020.

Pagamento in misura scontata di sanzioni pecuniarie previste dal Codice della Strada

In via eccezionale e transitoria, l’art. 108, comma 2, del suddetto Decreto legge ha previsto la possibilità – nel periodo compreso tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 – di pagare le sanzioni del Codice della strada con importo scontato del 30%, entro 30 giorni dalla data di contestazione o notifica della violazione. Pertanto si potrà effettuare il pagamento in forma scontata, nei suddetti termini, per tutte le violazioni contestate o notificate a far data dal 16 febbraio 2020.

Proroga dei termini nel settore assicurativo

Di fondamentale importanza chiarire che l’art. 125 del Decreto Legge c.d. “Cura Italia” non ha previsto alcuna sospensione del pagamento dei premi per Responsabilità civile auto.

La compagnia assicurativa è, tuttavia, tenuta a mantenere operante la garanzia prestata con il contratto assicurativo, in assenza di rinnovo o di stipula di una nuova polizza, per un periodo di 30 giorni.  Tale previsione normativa si applica anche nel caso di polizza assicurativa annuale con pagamento di premio in rate semestrali o periodiche.

Il pagamento effettuato anche oltre i 30 giorni dalla scadenza, riattiva l’efficacia della polizza dal momento della scadenza della rata precedente di premio.

Covid19 circolazione stradale consentita: riepilogo

E’ bene sapere, traendo le conclusioni, per ragioni di tutta evidenza, e sempre limitatamente alle ipotesi e per i motivi sopra indicati che:

– in moto si potrà viaggiare da soli;

– in auto, con le dovute cautele e forme sopra evidenziate è consentito anche viaggiare in due;

– il terzo trasportato in auto dovrà trovare alloggiamento non già sul sedile anteriore, al fianco del conducente, bensì su quello posteriore, cercando di collocarsi sul lato opposto a quello di guida, mantenendo una distanza di minimo un metro con l’altro soggetto;

– in auto si può trasportare il proprio animale domestico per portarlo d’urgenza dal veterinario, o per una visita, allegando all’autodichiarazione una dichiarazione/prescrizione del veterinario;

– per i veicoli con revisione scaduta, o che scade nel periodo ricompreso tra il 17 marzo ed il 31 luglio 2020, è consentita la circolazione fino al 31 ottobre 2020, senza necessità di effettuare la revisione;

– per le patenti di guida, in scadenza dal 31 gennaio 2020, sussiste la proroga della loro validità fino al 31 agosto 2020;

– per il pagamento dei premi per Responsabilità civile auto non è prevista alcuna sospensione.

Il tutto, in attesa delle nuove disposizioni normative, che certamente non tarderanno ad arrivare alla vigilia dell’ormai fatidico e tanto atteso 4 maggio.

L’unica cosa che unisce tutti gli esseri umani, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla religione, dallo status economico o dall’etnia, è che, in fondo in fondo, TUTTI noi crediamo di essere migliori dell’autista medio.
(Dave Barry)

Gaetano Agostino Rutigliano e Tiziana I. Cecere 

(rispettivamente socio e presidente dell’aps Accelerate piano)

2 pensieri riguardo “La circolazione stradale ai tempi del covid 19: cosa è utile sapere per spostarsi in modo autorizzato e lecito”

  1. Si può stare in auto insieme alla moglie per recarsi a fare la spesa in in quartiere diverso dalla propria residenza, con il coniuge seduto nel sedile posteriore? Inoltre, è possibile recarsi in un parco pubblico all’aperto, da soli o in compagnia, sedendosi in panchina con rispetto della distanza e mascherina?n auto

    "Mi piace"

    1. Vito fino al 3 maggio restano in vigore le regole del precedente decreto, per cui se era previsto che non si potesse spostare di quartiere/comune, questo è ancora valido. Idem per il parco. Dal 4 maggio, invece, sarà possibile spostarsi all’interno della stessa regione.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.