Sonosolostoria. Il giorno del ricordo

Decine di migliaia di italiani persero la vita nelle Foibe: un tentativo di cancellare la storia del popolo

Ricordiamo il giorno delle foibe. Fu un massacro di pulizia etnica e un tentativo di cancellare l’elemento italiano nei territori.

Ricordiamo il giorno delle foibe

Ogni anno, tutti gli anni, la Repubblica commemora il 10 febbraio i martiri delle foibe. Essi furono martiri dimenticati da parte della storiografia e della stessa storia fino ad almeno la caduta del muro di Berlino.

Le ragioni ideologiche che coprirono questo silenzio vergognoso sono lì a testimoniare quanto la ricerca storica possa e debba sempre, incessantemente, portare il proprio fondamentale contributo alla ricerca della verità.

Ricordiamo il giorno delle foibe: i numeri del genocidio

Naturalmente quel massacro che fu assieme di pulizia etnica, di genocidio e di tentativo di cancellazione dell’elemento italiano nei territori – veneto giuliani occupati, dalmati e istriani – ha le sue cifre che parlano da sole. Tra i 10.000 e i 30.000 italiani morirono infoibati e 300.000 italiani furono costretti a lasciare la loro terra per cercare di sopravvivere da italiani altrove. In Italia e nel mondo.

E questo fu l’esodo tragico dei nostri connazionali. Noi ricordiamo questa tragedia e il successivo esodo con il cuore greve e la sicurezza di aver compiuto un altro piccolo passo verso la creazione di una storia e memoria più condivisa e che sia base prima per la nostra storia patria.

Angelo Ivan Leone

[nella foto: dalle foibe un grido: non dimenticateci]

1 commento su “Sonosolostoria. Il giorno del ricordo”

  1. Grazie Angelo Ivan Leone per aver riesumato dei ricordi che altrimenti andrebbero persi. Condivido lo stesso dolore per memorie volutamente nascoste dai vincitori. La storia dei vinti spesso rimane sepolta dalla polvere del tempo. Solo il desiderio di equità anima le persone che, al di là del credo politico, riescono a non essere miopi tessitori di eventi. T’invito a leggere la mia poesia su Marinella, un’infante morta durante la fuga dagli eccidi, in prossimità di Trieste.
    https://www.larecherche.it/testo.asp?Id=52205&Tabella=Poesia (IT/EN)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.