Giornata della memoria: 2000 studenti pugliesi in partenza

La sedicesima edizione del progetto “Treno della Memoria” vedrà la partecipazione di circa 2000 giovani, provenienti da 70 istituti di scuola superiore e 50 comuni pugliesi

Anche in questa nuova edizione, un importante spazio progettuale sarà dedicato alla memoria del movimento di resistenza antinazista “La Rosa Bianca” promosso da giovani universitari tedeschi nella città e provincia di Monaco. La decisione è supportata dalla necessità di porre i giovani al centro del percorso di formazione elaborato dalle associazioni “Tdf Mediterranea” e “Treno della Memoria”, al fine di riaffermare la centralità delle scelte che ogni ragazzo/a è chiamato a fare nel proprio percorso di crescita.

Il percorso prevede momenti di formazione storica e laboratoriale che permetteranno ai partecipanti di conoscere un frammento di storia, ai più sconosciuto che, tuttavia, rappresenta un esempio di rettitudine e di fedeltà ai principi e ai valori democratici tra Budapest, Auschwitz e Cracovia.

I partecipanti arrivati a Budapest, potranno rivivere la storia di uomini e donne, a cui la Storia ha riconosciuto il titolo di “Giusti Tra Le Nazioni”, che hanno avuto il coraggio di scegliere di opporsi alla ferocia del regime nazista. Nelle giornate del 19 gennaio, 23 gennaio, 28 gennaio e 01 febbraio, infatti, verranno realizzati dei reading teatrali per le strade di Budapest.

La stessa metodologia verrà utilizzata all’interno del campo di Auschwitz, dove le parole di Primo Levi accompagneranno i partecipanti nella visita del campo di concentramento (22 gennaio, 26 gennaio, 31 gennaio e 04 febbraio).  A Cracovia, inoltre,  nei giorni 30 gennaio 2020 e 03 febbraio 2020, sarà messo in scena in lo spettacolo “La Rosa Bianca”, prodotto dall’Associazione Treno della Memoria e da Ura Teatro  di e con Aida Talliente e Fabrizio Saccomanno. Musica composta ed eseguita da Marco Colonna, con cui l’associazione intende portare alla conoscenza di un pubblico sempre più vasto la storia, di coraggio e sacrificio, dei ragazzi e delle ragazze che hanno dato vita al movimento antinazista “La Rosa Bianca”.

Sempre a Cracovia, infine, nel corso delle assemblee di restituzione del progetto (23 gennaio, 27 gennaio, 01 febbraio, 05 febbraio), un momento teatrale verrà dedicato alla storia della nave st. Louis, ancora oggi drammaticamente attuale.
All’interno dell’offerta formativa dell’edizione 2020 del progetto, è riconosciuto un ampio spazio alla valorizzazione del teatro, considerato uno strumento dalla straordinaria valenza educativa, attraverso la realizzazione di specifici reading e esibizioni da realizzarsi sia sul territorio pugliese che nell’ambito del viaggio del treno.

Inoltre durante la stagione autunnale si è tenuta al Cineporto di Lecce una rassegna cinematografica propedeutica con film ed interventi dedicati alla tragedia della Shoah. Dopo il percorso propedeutico, terminato a dicembre, una delegazione di Afc sta partecipando al viaggio del Treno della Memoria verso Auschwitz-Birkenau e interverrà ad un’assemblea plenaria sull’argomento in programma a Cracovia.
La Regione Puglia collabora al progetto per queste attività con Teatro Pubblico Pugliese e Apulia Film Commission.

Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “Oggi più che mai dobbiamo tornare a riflettere insieme sulle ragioni dello sterminio, su ciò che accadde nel cuore dell’Europa continentale e sui motivi per i quali ebrei, rom, sinti, minoranze etniche, dissidenze politiche, gay, furono deportati e annientati. La memoria non è l’esercizio ozioso del ricordo, non è la retorica marmorea dei nomi e delle date, ma è la bussola che deve orientarci nel presente. Un presente in cui si torna a respirare il tanfo del razzismo, dell’intolleranza, della violenza e della discriminazione.
Un presente in cui quei fantasmi di ieri tornano ad abitare l’Europa, a rivendicare visibilità, a contare e a contarsi, marcando qua e là il territorio con azioni alla luce del sole”. Lo dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano in occasione della Giornata della Memoria, lunedì 27 gennaio. 
La Regione Puglia partecipa anche per il 2020 alla costruzione e realizzazione del progetto “Treno della memoria” che, attraverso le testimonianze dirette e portando migliaia di studenti nei luoghi dello sterminio riesce ad avvicinare alla conoscenza di ciò che fu il grande processo di produzione sociale di odio e indifferenza che interessò l’Europa e il mondo nel periodo storico trattato.

È questo il senso del Treno della Memoria -spiega EmilianoÈ innanzitutto un percorso educativo e culturale, un’esperienza collettiva unica, un circuito di cittadinanza attiva in cui i giovani coltivano la speranza in un mondo plurale, in un mondo in cui la convivenza delle differenze sia valore aggiunto alla bellezza dell’umanità. Ho partecipato diversi anni fa a questo viaggio del Treno, sono andato a Cracovia, e posso dire che resta una delle esperienze più significative che abbia mai fatto.  A noi tutti la responsabilità di rinnovare, nella memoria, l’impegno. Nelle scuole, per strada, nelle periferie. Ricominciare, tornando a nominare, senza paura e senza balbettii la barbarie di ciò che è stato e l’alfabeto di un futuro carico di vita e libero dalla violenza e dal razzismo“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.