Abecedario politico, La miseria non ha partito

Per la rubrica ‘Abecedario politico’: La miseria non ha partito

di Angelo Ivan Leone

La miseria non ha partito. Per quanto riguarda le ultime tendenze di voto in molti non si riescono a spiegare il costante incremento di voti da parte dei partiti di destra.

Ora questo incremento esiste ed è un fatto registrato non solo nei consueti sondaggi, ma anche nelle ultime recenti o recentissime elezioni. Poco importa che questo voto sia incanalato verso la Lega o più verso Fratelli d’Italia come gli ultimi sondaggi stanno a dimostrare con le percentuali del partito di Giorgia Meloni per la prima volta oltre il 10%, ergo per la prima volta sopra la soglia significativa delle due cifre.

Tutto si spiega se si prende in considerazione il generale impoverimento della classe media italiana, non dopo la nostra entrata in Europa, come si suol dire con la propaganda nostrana, ma con la crisi economica che ha sconvolto il nostro Paese e, assieme a lui tutto l’Occidente, dal 2007 in poi e che noi non abbiamo ancora del tutto superato e che chissà se supereremo mai.

Pertanto a chi ancora si stupisce di tale voto io vorrei ricordare l’immortale motto di Albert Camus

“La miseria non ha partito”.

1 commento su “Abecedario politico, La miseria non ha partito”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.