Facebook: la community per il tuo lavoro

Costruire la propria community intorno al proprio lavoro sarà sempre più decisivo per qualsiasi attività o professione, in particolare su Facebook. Ecco perché

L’indirizzo che Mark Zuckerberg sta dando al social network più grande del mondo è chiaro: “The future is private”. Non è stato solo lo slogan di uno degli ultimi interventi pubblici ma una vera mission.

Solo qualche giorno fa, a Bari in Fiera del Levante, si è tenuto il SAIE, manifestazione fieristica che punta a riunire in un unico posto tutti gli attori del comparto edile. Bene, anche i social non sfuggono alla tendenza, nata dalla necessità, di avvicinare persone legate allo stesso interesse.

Il fatto, poi, che questi utenti si conoscano in precedenza oppure che abbiano modo di incontrarsi offline è un dettaglio di poco conto. Sempre riprendendo le parole del fondatore di Facebook infatti scopriamo che la mission si sintetizza con ” Give people the power to build community and bring the world closer together “.

Cosa vuol dire davvero “dare alla gente il potere di costruire una comunità e avvicinare il mondo“?

Si intende l’obiettivo finale non solo, e non tanto, di azzerare le distanze fisiche che possono intercorrere tra i fruitori del servizio, bensì azzerarle in modo che fra loro collaborino, si connettano e pongano in atto scambi. Insomma, significa creare relazioni che si rivelino produttive per entrambe le parti.

Come si ripercuote tutto questo sulla promozione del nostro lavoro?

Grazie ad un concetto molto particolare, di natura digitale, della libertà di espressione possiamo avvicinare i nostri potenziali clienti. Per portarli dove? Nella nostra community naturalmente. Quella che con pazienza e perseveranza costruiremo giorno dopo giorno.

Facebook sta per lanciare persino una sua sezione dedicata alle notizie ma il fulcro della piattaforma sono diventati i gruppi. E’ in quegli ambienti digitali, suddivisi per tema e con la possibilità persino di assegnare un argomento ad ogni post che si gioca la partita dell’attenzione. Quella più importante se si pensa che le ricerche ci restituiscono un utente sempre meno attento perché sommerso di informazioni.

Cosa dovrebbe fare allora un imprenditore o un professionista per intercettare potenziali clienti nel web?

Semplice, dovrebbe creare un luogo dove le persone che condividono l’interesse per ciò che fa, possano ritrovarsi e interagire senza fastidiose interruzioni. Non servono pagine con migliaia di like, spesso del tutto inutili se non addirittura falsi. E’ bene mettersi all’opera e costruire, in ogni momento, la propria comunità con la quale scambiare opinioni e contenuti interessanti, non di certo spammare post commerciali o, peggio ancora, volantini.

Facebook, in quanto social con più utenti al mondo, rimane la migliore piattaforma per promuoverci con intelligenza. Spesso vedo rincorrere mode passeggere (qualcuno si ricorda ancora di snapchat o pinterest?) ma la realtà è che la promozione del nostro lavoro funziona solo se viene fatta dove ci sono i nostri potenziali clienti.

1 commento su “Facebook: la community per il tuo lavoro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.