Sonosolostoria. Le virgole della storia

Per la rubrica Sonosolostoria. Le virgole della storia

di Angelo Ivan Leone

Durante i bombardamenti a tappeto che si effettuarono tra l’estate e l’autunno del 1940, Londra, capitale della Gran Bretagna, unica nazione che ancora resisteva imperterrita al Fuhrer trionfante e che aveva conquistato tutta l’Europa – ad eccezione dell’Urss che non era ancora entrata in guerra – venne bombardata spietatamente.

Un giorno, durante un bombardamento più grave e rovinoso del solito, Winston Churchill, primo ministro inglese, uscì per la capitale appena finito il bombardamento e trovò un barbiere che aveva aperto la sua bottega e aveva esposto un cartello:

business as usual, si lavora come sempre.

Churchill allora, vedendo questo barbiere e, soprattutto, questo cartello, si mise a parlare conciando retoricamente su quelle tre parole che erano il vero spirito del popolo inglese: eroico, indomabile e indomato. Aveva ragione in tutto, salvo che in una cosa, quel barbiere era napoletano. Si chiamava: Pasquale Esposito.

[ph. fotonapoli.com]

2 pensieri riguardo “Sonosolostoria. Le virgole della storia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.