Lavorat(t)iva-Mente. Buon primo maggio

Per la rubrica Lavorat(t)iva-Mente. Buon primo maggio

di Angelo Ivan Leone

Una canzone, lirica, manifesto tanto bella quanto struggente.

C’è tutto un mondo dietro e intorno a questi versi. Basti pensare a quanto il senso di sconfitta pesa e si riverberi finanche nelle ombre del video, con quei visi stravolti di lavoro, tristezza e abbrutimento degli operai e delle loro donne, magistralmente interpretati dai due attori in questo piccolo, grande capolavoro.

Le singole parole, le singole rime di questa lirica sono davvero cantate come si canterebbe un credo laico. Un mondo che si voleva e si pensava migliore, mentre si è rivelato per quel che era con la venuta dei Regan, delle Tatcher, delle marce dei crumiri nella Torino della Fiat, per poi scendere ancora di più verso l’abisso di Bush peggior… e Berlusconi… fino al baratro odierno.

“Credo che tutto sia compiuto/ e che tutto sia ormai passato” ecco come recita l’epitaffio del sogno che avevamo. “Caina attende chi a vita ci spense”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.