Atto d’amore

Atto d’amore. Quella sirena che diede i natali a una delle città più belle che il mondo abbia mai avuto la fortuna di vedere edificate

di Angelo Ivan Leone

Poco di meno di una regina e poco di più di una dea.

Sembra d’ascoltarla quella sirena che diede i natali a una delle città più belle che il mondo abbia mai avuto la fortuna di vedere edificate. Si ascolta Napoli in queste parole che vanno cantate alla stregua di un sacro rito. Una confessione, anzi la Confessione in piena regola dinanzi all’assoluto di un prete, il mediatore tra noi (uomini) e Dio che, lungi dal sentirsi in virtù di questo ruolo, qualcosa a mezzo di un superuomo, si riscopre più uomo degli uomini, anzi, tanto per rimanere nelle parole del filosofo: “umano, troppo umano”.

Non a caso la canzone si apre con una citazione proprio di Nietzsche in questo video che rappresenta quel qualcosa che rende un capolavoro, diverso da una qualsiasi opera d’arte.

“Si deve essere dei capolavori”

avrebbe detto il più nicciano dei nostri attori: Carmelo Bene. E che altro è un attore se non una maschera, anzi, la Maschera. C’è tutto un mondo intorno, avrebbero cantato certamente i Matia Bazar. Ecco qui questo mondo che si chiama cultura meridionale, è sublimato con la religiosità napoletana. Quell’atto di fede e d’amore che questa città, questo popolo e questa terra sempre ti chiede in nome della sua sublime bellezza incantata e incatenata a quella montagna che sputa fuoco e poi, giù, il mare. Tra acqua e fuoco, tra vita e morte, tra paradiso e dannazione, sia sempre lode a te: Partenope.

[immagine tratta da insolitaguida.it]

Annunci

1 commento su “Atto d’amore”

  1. Io credo che nonostante la lunga storia che si cela dietro alla canzone popolare napoletana, ci si ancora modo di riflettere, di “appassire” ancora un po’ gli animi in mezzo alle note, di lasciarsi trasportare e di vivere qualcosa che nel mio amato nord si vive più solo nelle montagne. Questa canzone in ogni sua parola trasuda sete di tradizione, di amore, di genuinità e bellezza. Con semplicità, un’opera piena di meraviglia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.