Quello che chiamano natale è in realtà la festa del dio Sole. Paganesimo e cristianità, confusi per ‘necessità politiche’

Paganesimo e cristianiesimo si fondono in una data, il 25 dicembre, che chiamano natale, ma in realtà è la festa del dio Sole. Fusi per ‘necessità politiche’

di Pino Gadaleta

La festività del natale cristiano è una felice invenzione che ha un’antica valenza spirituale e religiosa.

Il santo natale è collegato al solstizio d’inverno del 21 dicembre quando la notte è più lunga e il giorno più breve. A mezzogiorno il sole tocca il punto più basso. Per gli antichi astronomi il sole era apparentemente fermo sino al 24 dicembre (cioè sorgeva sempre nello stesso punto) e solo dal 25 incominciava ad allungarsi il giorno.

A Roma si celebrava il Dies natalis Solis invicti, un culto orientale che si diffuse nell’antica Roma tra il I e il II secolo a.C. supportato dall’imperatore di origine siriana Eliogabalo (regnò tra il 217-222), un transessuale che ebbe 5 mogli e due mariti, conducendo una vita molto lasciva. Eliogabalo nel periodo del solstizio faceva portare in processione un meteorite nero a forma di cono su un carro trionfale adornato di gemme preziose.

L’imperatore Aureliano (214-275), di umili origini, nato in Pannonia, fu profondamente influenzato dalla figura della madre Aurelia, sacerdotessa del culto del “Sol Invictus, un culto monoteista che ha origine in Oriente (Siria ed Egitto).

Il culto celebrava con grande solennità la nascita del dio Sole e prevedeva che la sacerdotessa ritiratasi nel tempio ne uscisse a mezzanotte annunciando la nascita del dio Sole da una Vergine.

Aureliano nella guerra contro la mitica e spregiudicata regina Zenobia, invocò la protezione del dio Sole affinché gli assicurasse il successo. L’Imperatore vittorioso eresse un tempio solare presso il Campus Agrippae (sulle pendici del Quirinale), dichiarandosi pontifex del culto medesimo. Aureliano giunse a sostenere che l’esercizio dell’imperio di cui godeva, gli fosse stato conferito direttamente dal dio Sole è fissò la data della celebrazione del culto Dies Natalis Solis Invicti: alla fine del 274, molto probabilmente il 25 dicembre. 

Luca, nel suo vangelo, scritto tra il 70-90 d.C., racconta la nascita di Gesù senza dare alcun riferimento sui tempi, né climatici e né stagionali; fu papa Giulio I, tra il 337-350 dopo Cristo, a codificare il 25 dicembre come ricorrenza della nascita di Gesù sovrapponendo una festività cristiana a quella romana legata al culto solare.

L’era cristiana è stata invece “inventata” nel 532 da Dionigi il Piccolo, un monaco cattolico teologo e biblista, oltre che astronomo e matematico. Dionigi propose di abbandonare l’era di Diocleziano contando gli anni dalla nascita di Gesù, da lui fissata, con un errore di qualche anno, al 25 dicembre dell’anno 753 dalla fondazione di Roma.

Il calcolo di Dionigi il Piccolo parte dall’anno della fondazione di Roma, ma sbagliò di quattro anni. Vi sono state diverse riforme al calendario, quella di Cesare e l’ultima quella di papa Gregorio XIII nel 1582 sulla base delle osservazioni astronomiche di Copernico. I calcoli sono stati rifatti dagli storici e dimostrano che c’è un errore di quattro anni, pertanto Gesù nacque nel 4 a.C. invece che nel primo anno d.C.

Il natale conserva tutto il suo fascino di una tradizione che celebra il ritorno della Luce che vale tanto per i credenti quanto per coloro che non lo sono. È una festività che l’Homo sapiens celebra a tutte le latitudini e da tempi remoti.

Annunci

Un pensiero su “Quello che chiamano natale è in realtà la festa del dio Sole. Paganesimo e cristianità, confusi per ‘necessità politiche’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.