Bari, domani riapre il Teatro Margherita con la mostra internazionale dedicata a Van Gogh

Una mostra internazionale dedicata all’artista Van Gogh riapre il Teatro Margherita, restituito alla città completamente ristrutturato

Riaprirà domani il Teatro Margherita di Bari, restituito alla città completamente ristrutturato. E lo farà con l’inaugurazione di una mostra internazionale dedicata a Van Gogh. Un’inaugurazione all’insegna della grande arte internazionale e della multimedialità quella in programma domani, quando la mostra “Van Gogh Alive – The Experience” verrà ufficialmente aperta.

Dopo aver superato le 500.000 presenze in Italia, aver realizzato numeri da record nelle tappe in Australia, Stati Uniti e Russia e aver avvicinato il pubblico di tutte le età al genio impressionista olandese, l’evento arriva nel capoluogo pugliese con un percorso espositivo studiato appositamente per gli ambienti del Teatro Margherita.

L’itinerario segue infatti, quello creativo del pittore, soffermandosi con particolare cura sul decennio che va dal 1880 al 1890, durante il quale Van Gogh viaggiò da Parigi a Saint-Rémy fino ad Auvers-sur-Oise. Van Gogh Alive – The Experience è prodotta da Cube Comunicazione e Time 4 Fun, e ideata da Grande Exhibitions vede il patrocinio dell’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia e del Comune di Bari ed ha ricevuto il sostegno di Auriga, Banca Popolare di Bari, Primiceri, Nuova Orsud e AN-Light. La tappa barese della mostra si sviluppa come un viaggio nei luoghi diventati fonti di ispirazione per le sue opere più celebri e consente al visitatore di immergersi in un ambiente illuminato dalle immagini del grande maestro, mostrate in maniera nitida e reale per coinvolgere emotivamente il visitatore e farlo sentire totalmente inserito nel contesto delle opere. Tale risultato è ottenuto grazie alla tecnologia SENSORY4™, che raccoglie oltre 3.000 immagini delle opere di Van Gogh e le mostra per la prima volta in grandi dimensioni, su superfici appositamente realizzate per restituire un’esperienza unica nel mondo dell’arte.

L’iniziativa era stata presentata ieri alla Regione Puglia, a illustrarne i dettagli il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, l’assessora regionale alla Cultura Loredana Capone, l’assessore comunale Silvio Maselli, il curatore della mostra Giancarlo Bonomo, l’amministratore di Cube Comunicazione Daniele Quarto e i rappresentanti degli sponsor. La mostra rappresenta l’apertura ufficiale del Teatro Margherita dopo i lavori di restauro appena conclusi, e dunque segna la vera e propria riconsegna del teatro alla fruizione dei cittadini.

“Il 6 dicembre, giorno di San Nicola – ha esordito il sindaco Antonio Decaro – la prima cosa che faremo sarà aggiornare la pagina di Wikipedia dedicata al Teatro Margherita che riporta che il 20 febbraio del 1980 il teatro è stato chiuso e sono iniziati dei lavori di restauro mai terminati: potremo scrivere che il 6 dicembre del 2018 i lavori di restauro sono stati completati (li abbiamo iniziati a dicembre del 2016) e il Margherita è stato restituito alla città. Oggi abbiamo uno spazio completamente riqualificato e rifunzionalizzato, che diventa uno degli snodi del Polo contemporaneo delle arti – musica, danza, teatro, arti figurative e visive – un luogo polifunzionale a disposizione della città che riapre con una mostra high tec su Van Gogh che sarà un regalo di Natale non solo per i baresi ma anche per tante persone che verranno da fuori regione per ammirarla. Abbiamo vinto una sfida importante in collaborazione con la Regione e il Ministero dei beni e delle attività culturali e abbiamo dimostrato che quando facciamo squadra riusciamo a centrare obiettivi straordinari. Questo è un risultato importante: il Margherita è perno culturale della città intorno al quale ruoteranno le altre attività culturali all’interno dei contenitori già riaperti, penso all’auditorium Nino Rota, al Castello svevo, al Museo archeologico di Santa scolastica e al Museo civico, e di quelli che riapriremo a breve: il 31 dicembre il Teatro Piccinni e subito dopo l’ex Mercato del pesce, altro spazio del Polo contemporaneo delle arti”.

Grazie all’utilizzo di 50 proiettori ad alta definizione, una grafica multi-canale e un suono surround, Van Gogh Alive – The Experience si propone come una mostra mirata a creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo, che verrà arricchita dalla eccezionale colonna sonora creata con le musiche di Vivaldi, Lalo, Schubert, Bach, Saint-Saëns, Debussy, Tchaikowskij e Handel). Dopo l’inaugurazione la mostra resterà visitabile per due mesi (dalle ore 9 alle 19 dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 22 il venerdì, sabato e domenica), con biglietti disponibili ali seguenti costi: 14 euro per il biglietto intero, 12 euro per gli studenti universitari, i visitatori over 65 e i diversamente disabili, 8 euro per i ragazzi dai 6 ai 12 anni, ingresso gratuito per i minori di 6 anni accompagnati da un familiare.

Sono previste inoltre attività specifiche dedicate a gruppi organizzati e scuole, con iniziative laboratoriali e visite guidate. Per informazioni e prenotazioni: http://www.vangoghbari.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.