Cellamare, inaugurata tra le polemiche la nuova sala consiliare nel Castello Caracciolo. Loizzo: “C’è sempre la confraternita dei criticoni”

A Cellamare, ieri mattina, è stata inaugurata la nuova sala consiliare nel Castello Caracciolo tra le polemiche. Il presidente del consiglio regionale, Loizzo: “Ci sono sempre i criticoni a prescindere”

di Marilena Rodi

Era atteso anche il sindaco metropolitano Antonio Decaro, ieri mattina, all’inaugurazione istituzionale della nuova sala consiliare del Comune di Cellamare, ma non si è presentato. Sopraggiunti impegni istituzionali. Intanto il sindaco Michele De Santis – che ha tagliato il nastro della sala all’interno del Castello Caracciolo, nel centro storico – è stato raggiunto, per l’occasione, dal presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, che con slancio amichevole – “amicizia di vecchia data con Cellamare”, ha detto durante il suo intervento – ha sostenuto empaticamente l’iniziativa e l’idea di utilizzare il Castello Caracciolo per eventi culturali e privati in cambio di una quota di utilizzo.

Cellamare, dunque, adesso ha ufficialmente una sala consiliare nuova di zecca, con arredi immacolati e impianto di amplificazione dedicati. Un travaglio il raggiungimento di questo obiettivo, ma “in ogni comune c’è la confraternita dei tirapiedi”, come ha sottolineato Loizzo. “Ci sono quelli – ha detto – che devono criticare tutto e tutti a prescindere, ma bene fa il Comune di Cellamare a mettere a disposizione un bene comunale dietro pagamento. Perché ci lamentiamo sempre che scarseggino le strutture pubbliche, ma la manutenzione costa”. “Pare – ha rimarcato poi – che la loro esistenza (riferito ai criticoni) sia limitata a criticare. Così, quando si è deciso di aprire il Castello anche agli eventi dei privati, i criticoni hanno reagito dicendo: ‘Ma come, i matrimoni, gli eventi privati?’. Forse adesso capiranno che attraverso queste iniziative si possono mettere insieme quei 10mila-15mila euro all’anno che consentono almeno di fare manutenzione. Ogni luogo, quando viene vissuto, si mantiene meglio. Bene fate, dunque – ha concluso Loizzo – ad aprire il Castello a tutti”.

La stilettata di Loizzo è arrivata a margine delle polemiche scatenatesi nei giorni scorsi a causa di una notizia che vedeva il Castello impegnato per un evento privato e che aveva coinvolto gli oppositori politici eun gruppo di cittadini sui social.

“Finalmente – aveva detto il sindaco De Santis – anche Cellamare ha una vera e propria sala consiliare che rappresenterà la nostra comunità. Finalmente in questa sala del Castello Caracciolo si svolgerà una funzione fondamentale della vita di uno stato democratico, quale l’attività del consiglio comunale, l’attività dei rappresentanti dei cittadini. Il Castello rappresenta la storia di Cellamare. In questa sala vengono prese decisioni importanti per la comunità di Cellamare. Finora questa attività si svolgeva nell’auditorium della scuola media Ronchi, creando non pochi disagi sia all’attività didattica, sia a quella istituzionale”.

“Per ben 2 anni – ha sottolineato poi il sindaco – questa amministrazione ha lavorato per raggiungere questo obiettivo, nonostante gli ostacoli e gli impedimenti posti da parte di chi non ha creduto in questo progetto e contro l’interesse della collettività. Nonostante le difficoltà questa amministrazione è riuscita nell’intento”. All’evento non è mancata Marisa Mariani, sindaca che acquisì il Castello a patrimonio pubblico agli inizi del Duemila.

“Non abbiamo ricevuto alcun invito”, è stato invece il commento di alcuni consiglieri comunali assenti (consiglieri che avevano fatto parte della maggioranza poi passati all’opposizione, ma pure di alcuni della minoranza). “Ho inviato invito a tutti”, ha replicato il sindaco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.