Casamassima, elezioni comunali. Nitti contro tutti: “Voi avete il Birardi bis” e “Le leggi si interpretano”. La replica di Carelli: “Ti sei guardato accanto? Dov’è il nuovo?” e “Noi non sprecheremo altri soldi dei cittadini”. Mirizio presenta la giunta

Casamassima, domenica di passione in vista del ballottaggio. Ieri sera i comizi dei due rivali politici Giuseppe Nitti e Agostino Mirizio. Botta e risposta: l’ex sindaco Birardi nella contesa

di Marilena Rodi

Una domenica di passione. È quella che si è consumata ieri sera a Casamassima. Diciamolo pure: finalmente un po’ di botta e risposta. Non perché amiamo il sangue (seppur l’antico Formica profetizzava che la politica è lacrime, sangue e merda), per carità. Ma un po’ di informazioni e di smentite e un po’ di risposte ai cittadini andavano date. Del resto, se un politico fa un’azione, poi è giusto che giustifichi quell’azione ai propri elettori oltre che ai cittadini, visto che è un rappresentante delle istituzioni (o per lo meno si candida a esserlo).

Cominciamo dalla prima smentita/accusa di Nitti (proponiamo sintesi, ovviamente).

“Abbiamo solo spostato la vittoria al 24 giugno. In questi giorni ne stiamo sentendo di tutti i colori, allora è giunto il momento di rispondere a quello che vi sussurrano nell’orecchio e di buttare giù la maschera. Noi non abbiamo i poteri forti alle spalle. Chi sono i poteri forti? Loro hanno governato questo paese per 40 anni e adesso vi propongono il Birardi bis! Perché è di questo che si tratta: un Birardi bis. È questo che volete?”. E poi: “La nostra squadra è coesa e non abbiamo litigato. Per consentire la partecipazione, se sarò eletto, organizzerò lo staff del sindaco”.

Non si è fatta attendere l’immediata risposta, subito dopo, dell’avversario politico Agostino Mirizio e della sua squadra.

[facciamo una piccola digressione, consentitecelo. Nitti parla di squadra dall’inizio della campagna elettorale, di quanto sia orgoglioso e di quanto sia compatta: lo ha sostenuto a gran voce anche ieri. Però sul palco è stato l’unico a prendere la parola. Per la compagine di Agostino Mirizio, invece, a parlare sono stati in 7: lo stesso Mirizio, Nicola Valenzano, Michele Berardo Mazzone, Etta Di Donna, Piero Savino, Michele Bovino e Rino Carelli]

“Come è possibile – gli fa eco Mirizio – parlare di nuovo? Proprio lui (Nitti, ndr) parla? Che tra i possibili eletti ha molti rappresentanti che vengono dal passato politico di questo paese?”. “Birardi? – risponde con garbo Valenzano – E cos’è una colpa?”. “Vi ha parlato di civismo – ha sottolineato Savino – ma venerdì prossimo sapete chi verrà a Casamassima? Pizzarotti: presidente di un partito nazionale. Ma di che stiamo parlando?”. “Nitti – ha poi stigmatizzato Carelli – demonizza i partiti di destra come se fossero la peggior cosa, ma lui si è visto accanto? Si è accorto che ha nella sua squadra persone che provengono pure dai partiti di centrodestra? Ha con sé, se venisse eletto, 2 ex assessori della giunta Birardi (Maria Montanaro, Pdl, e Gino Petroni, Schittulli, ndr), un ex capogruppo Pdl (Giuseppe Valenzano, ndr), un ex del Partito repubblicano poi passato alla Casa delle libertà per poi confluire in Alleanza nazionale (Franco Pastore, ndr), un ex assessore del Pd (Michele Loiudice, ndr), e un ex assessore della Casa delle libertà nel 2001 (Alessio Nitti, ndr). E viene a dire a noi la destra?”.

Sulla questione Tari. “Subito dopo la sentenza del Tar – ha specificato Nitti dal palco – si sono scatenati. Ho visto circolare i nomi di quelli che hanno votato il provvedimento. Be’, signori. Le leggi vanno interpretate!”.

“Le leggi amministrative – gli fanno eco gli avversari – non vanno interpretate. E se vinceremo noi non faremo appello. Non resisteremo in giudizio contro i cittadini. Non spenderemo altri soldi dei cittadini. Perché noi con i cittadini ci parleremo”.

Il colpo di scena politico, ieri, è stato tuttavia di Agostino Mirizio, che a sorpresa, ha presentato la sua giunta: Etta Di Donna si occuperà di Bilancio; Piero Savino di Pubblica amministrazione e personale; Michele Bovino di Cultura e Rino Carelli di attività produttive. La delega ai Lavori pubblici, invece, potrebbe andare a un giovane ingegnere casamassimese di cui, però, non è stato possibile comunicare l’identità.

In tutto ciò, Nitti ci è parso accusare Mimmo Birardi, in qualche modo. Il ‘j’accuse’ all’ex sindaco Vito Cessa lo aveva già fatto in consiglio comunale sollevando non poche perplessità su quella amministrazione (e zigzagando tra maggioranza e opposizione).

Ora ci chiediamo: non ce ne sono più di sindaci che meritano attenzioni politiche?

Domenica 17 giugno. Uno a zero, palla al centro.

Annunci

Un pensiero su “Casamassima, elezioni comunali. Nitti contro tutti: “Voi avete il Birardi bis” e “Le leggi si interpretano”. La replica di Carelli: “Ti sei guardato accanto? Dov’è il nuovo?” e “Noi non sprecheremo altri soldi dei cittadini”. Mirizio presenta la giunta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.