Casamassima, elezioni comunali. L’evoluzione dei partiti dal 2011 a oggi: numeri e percentuali

L’evoluzione dei partiti a Casamassima dal 2011 a oggi. Solo 7 anni eppure sembra un’epoca. Numeri e percentuali della politica locale che cambia

di Marilena Rodi

Sono passati 7 anni dalla prima volta – a nostra memoria – di: più di 3 candidati sindaco. Nel 2011 cioè, per la prima volta, furono candidati 5 schieramenti, ciascuno con la propria proposta di governo cittadino. Fino ad allora le proposte erano state più compatte. Ma oltre al numero degli schieramenti e delle proposte governative com’è cambiato lo scenario politico locale? Quali sono i partiti che sono sopravvissuti ai vari tsunami elettorali?

La prima differenza sono le appartenenze ideologiche: centrodestra e centrosinistra escono con le ossa rotte. Nel 2011 la coalizione di centrodestra che portò alla vittoria Mimmo Birardi raggiunse il 45,06% pari a 4886 voti; il centrosinistra che arrivò al ballottaggio con Alessio Nitti conquistò il 21,67% pari a 2144 voti. Oggi, a distanza di 7 anni, il centrodestra che appoggiava Agostino Mirizio si è fermato al 19,93% con 1679 voti (meno della metà di allora); il centrosinistra che appoggiava Antonietta Spinelli si è bloccato sul 13,39% con 1129 voti (anche qui circa la metà).

Delle compagini allora in gara – e che è stata presente anche a questo giro elettorale – c’è anche Autonomia cittadina, la prima lista civica diventata poi movimento civico strutturato. Nel 2011 (insieme a una piccola lista collegata) raggiunse il 19,04%, ovvero 1880 voti: oggi si ferma al 10,5% (851 voti di cui una buonissima parte riconducibili a un paio di candidati), mentre cresce una lista del gruppo, Rivoltiamo Casamassima (per la prima volta presente alla competizione del 2015) che conquista l’11,7% (951 voti). Insieme oggi fanno il 22,2% pari a 1802 voti (meno di allora).

Ultimo ‘partito’ ancora in piedi da allora, il Movimento 5 stelle. Nel 2011 raccolse 183 voti (1,79%). Oggi il M5s si assesta sul 12,553% con un totale di 1015 voti. Dieci volte tanto (con un significativo incremento sul dato del 2015: la lista allora raggiunse 837 voti).

Il resto, oggi come allora, sono liste organizzate per le elezioni. Il candidato sindaco Giuseppe Nitti, attuale favorito per la conquista dello scranno più alto del consiglio comunale, è il rappresentante di questa Idea civica. “C’erano una volta i partiti… oggi c’è il civismo”, recitava uno dei suoi slogan in campagna elettorale.

Come cambia, dunque, la politica?

Cambia in senso post ideologico, si penserebbe. Fuori i partiti, dentro le idee sembrerebbe il manifesto di questa lunga coda civile. Gli uomini, le donne della cosiddetta ‘società civile’ stanno assaltando enti e istituzioni. Ma una volta conquistata, l’istituzione va studiata. Approfondita. Capita e compresa. E governata. E governare, non sempre è un esercizio demagogico delle proprie convinzioni. Occorre fare i conti con i bilanci degli enti locali, con i processi decisionali e deliberativi, programmatori. E se non si è preparati per questo occorre prepararsi, necessariamente. Non c’è via di scampo. A meno che non si voglia scaldare una poltrona consiliare, votare senza capire o sapere e portare a casa una percentuale alta di presenza ma bassa di partecipazione.

Ma al di là di tutto, quello che è emerso in questa lunga maratona elettorale è che crescono i delusi e cresce l’astensionismo. Forse pure l’indifferenza. E in un clima così povero di confronto civico (nel senso vero e non dialettico del termine) chi domina è il drago delle vecchie logiche spartitorie.

Contiamo fino al 24 giugno. Ma anzi no. Nei comitati elettorali stanno già discutendo come organizzare giunta, consiglio, commissioni e.. uffici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...