Alimentazione e istruzione: l’associazione Food life e l’istituto alberghiero Calamandrei, buona la prima

L’istituto alberghiero Calamandrei e l’associazione Food life hanno dato vita a un convegno sull’evoluzione del cibo: pro e contro del progresso dei mercati. Al termine degustazione bio.

di Marilena Rodi

Sana alimentazione ai tempi dei grandi cambiamenti epocali in fatto di nutrizione. Quanto è difficile alimentarsi naturalmente? Ma soprattutto: è ancora possibile?

Se per natura intendiamo tutto ciò che resta incontaminato rispetto all’impatto antropico e antropologico, dovremmo restringere il campo a zone in cui l’uomo non ha ancora potuto mettere piede, ma a queste latitudini probabilmente resta un’utopia. L’occidente è vecchio e nei millenni si è evoluto introducendo innovazioni e qualche volta involuzioni. Sicché la domanda nasce spontanea: se le involuzioni riguardassero (anche) il cibo – quindi le colture, le culture e i sistemi di produzione, nonché i mercati – in che modo l’essere umano può orientarsi al fine di mantenere sana (appunto) la sua alimentazione? Del resto, sappiamo, non esiste metodo migliore di cura se non la prevenzione. Prevenire meglio che curare, ok, ma come si previene? La cultura dell’alimentarsi, a questo punto, diventa cruciale.

L’istituto alberghiero Calamandrei di Bari, una scuola professionale che prepara i futuri chef, ha deciso di puntare sull’informazione e sulla sensibilizzazione accompagnandosi con chi – dell’argomento – ne fa una visione e una missione.

Il 27 aprile scorso, infatti, l’istituto e l’associazione casamassimese Food life, hanno dato vita al convegno Food evolution. Tradizione e nuove frontiere. Il convegno puntava sull’importanza della qualità delle materie prime e dei prodotti del territorio con l’obiettivo di sensibilizzare gli studenti e futuri chef sulla consapevolezza dell’evoluzione alimentare derivante dai profondi cambiamenti climatici, appunto, e dalla globalizzazione dei mercati.

“Questo momento di confronto – ha detto il preside della scuola Carlo De Nitti, introducendo l’evento – è utile per i nostri studenti perché aprire una finestra sul mondo durante il percorso di istruzione rende attuali, aiuta a capire come si evolvono il territorio e le abitudini, i mercati. La nostra scuola è impegnata a fornire agli studenti le chiavi per aprire le conoscenze e le sperimentazioni, così come le collaborazioni. Non a caso questo evento con l’associazione Food life e non a caso la presenza del presidente del IV municipio Nicola Acquaviva, perché lavoriamo a stretto contatto col territorio e con le istituzioni”. “Grazie per l’invito – ha ribadito Acquaviva – e grazie per questa opportunità di conoscere realtà che possono contribuire ad arricchire il discorso pubblico. Le istituzioni hanno bisogno di raccogliere quanto procede dal territorio e ha il dovere di mettere in rete e sostenere progetti di divulgazione come questi. Siamo pronti per avviare un percorso orientato ai cittadini per favorire la conoscenza in materia alimentare”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chiamati ad affrontare l’argomento, relatori qualificati ed esperti di settore: Anna Prucnal, chef che ha anche coadiuvato lo staff di cucina del Calamandrei nella preparazione del menu di degustazione; Maria Ciaula, agronoma che ha spiegato l’importanza della scelta del prodotto in cucina e cos’è l’agricoltura biologica; Francesco Matarrese, esperto assaggiatore, che ha illustrato l’olio extra vergine di oliva (e l’importanza del riconoscerlo); Michele Calabrese, presidente associazione Aic Puglia, che ha parlato della celiachia (cause e trattamento); e Rosalisa Cici, dietista, che ha spiegato perché scegliere materie prime di qualità (come strategia di prevenzione).

All’evento sono intervenuti per testimoniare l’agricoltura biologica i produttori: Daniela Carofiglio di Masseria Terra d’incontro; Giovanni Gangai di Gaia agricolture e Raffaele Piano dell’azienda agricola Piano di Apricena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...