Primo intervento in Puglia, la Regione vuole chiuderne 39 tra cui Casamassima. Carone (Cgil): “Cosa ne pensano i candidati sindaci?”

La Regione Puglia vuole chiudere 39 punti di primo intervento tra cui anche Casamassima. Giuseppe Carone (della Cgil casamassimese): “Cosa ne pensano i candidati sindaci?”.

“Come noto – comincia una nota stampa a firma congiunta dei sindacati Cgil, Cisl e Uil e indirizzata al sindaco metropolitano, ai sindaci e ai commissari dei Comuni ‘impoveriti’ – la giunta regionale giorni addietro ha deciso di chiudere in Puglia 39 punti di primo intervento con un duro colpo nel nostro territorio metropolitano che prevede sostanzialmente la chiusura dei Pip dei comuni di Locorotondo, Mola di Bari, Polignano, Alberobello, Bitonto, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Santeramo, Terlizzi, Triggiano, Casamassima, Conversano, Castellana-Grotte, Gioia del Colle, Giovinazzo e Grumo Appula, mettendo a rischio il diritto alla salute costituzionalmente garantito a tutti i cittadini”.

“Scelta – continua la nota – non condivisibile e da contrastare che risponde solo a una logica di tagli al servizio pubblico senza nessuna prospettiva strategica, anche in assenza del piano di riordino e dei Pta. A tal fine – continuano i sindacati – chiediamo alle amministrazioni comunali e alla città metropolitana di Bari una convergenza per una presa di posizione comune per contrastare scelte politiche che mettono in forse i diritti fondamentali, quali la tutela della salute, attraverso il depauperamento delle strutture sanitarie nel nostro territorio e una conseguente desertificazione dell’offerta sanitaria territoriale. Siamo – concludono i segretari regionali dei sindacati – a chiedervi un incontro urgente al fine di poter condividere una posizione a iniziative unitarie”.

Giuseppe Carone, responsabile della camera Cgil locale, gira la domanda ai candidati alla carica di primo cittadino: “Visto che a Casamassima – dice – siamo già ampiamente in campagna elettorale per le elezioni della futura amministrazione, sarebbe molto interessante conoscere, dai candidati a sindaco, quali siano le loro posizioni su questa questione e quali siano i loro impegni, in caso di elezione, su una tematica così importante che potrebbe trovarli coinvolti nel breve termine”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...