Amianto, la Regione Puglia stanzia 3 milioni di euro per i Comuni per smaltire manufatti

Amianto, la Regione Puglia stanzia 3 milioni di euro per i Comuni per smaltire manufatti.

La Giunta regionale ha approvato, nella seduta di martedì scorso, un avviso finalizzato a concedere ai Comuni pugliesi contributi economici per la rimozione, il trasporto e il conferimento in impianto autorizzato di manufatti contenenti amianto presenti nei fabbricati e negli immobili di proprietà privata. “Si tratta – ha fatto sapere il consigliere regionale Enzo Colonna, Noi a Sinistra per la Puglia – di una iniziativa molto importante per la salvaguardia della salute pubblica, in ragione dei ben noti pericoli connessi alla presenza sul territorio regionale di questo materiale del quale si è fatto largo uso nell’attività edilizia soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, sino almeno alla metà degli anni Ottanta, quando iniziarono a diffondersi i primi dati sugli effetti nocivi di questa sostanza”.
Nella legge di stabilità regionale 2018 (l.r. 29 dicembre 2017, n. 67), la Regione Puglia ha stanziato 3milioni di euro in favore dei Comuni al fine di sostenerli finanziariamente nell’attività di decontaminazione, smaltimento e bonifica dell’amianto, anche a seguito delle numerose richieste che pervenivano dai territori (a dimostrazione di una accresciuta sensibilità dei cittadini e degli amministratori locali verso le tematiche ambientali) per procedere con la dismissione in sicurezza di manufatti potenzialmente pericolosi e cancerogeni.
“Nei prossimi giorni – continua Colonna – sarà pubblicato l’avviso “a sportello” rivolto alle amministrazioni comunali per acquisire le istanze di candidatura per l’assegnazione dei contributi. Spetterà, poi, agli enti locali beneficiari il compito di scegliere autonomamente, in ragione delle esigenze specifiche espresse dal territorio, gli interventi concreti da realizzare con il contributo regionale a fondo perduto”.
Il contributo massimo che sarà assegnato ai Comuni sarà composto di una parte fissa, non superiore a 35mila euro, e una parte aggiuntiva che varierà a seconda del numero di residenti nell’ente beneficiario: 5mila euro per i Comuni al di sotto dei 5mila abitanti; 15mila euro per i comuni fino a 20mila abitanti; 25mila euro per i Comuni al di sotto dei 50mila abitanti e 35mila euro per i Comuni con più di 50mila abitanti. In ogni caso, l’amministrazione richiedente deve garantire un cofinanziamento pari al 25% del contributo richiesto.
“Ritengo – ha aggiungo il consigliere regionale – sia una buona opportunità che le amministrazioni locali non possono lasciarsi sfuggire per affrontare una problematica particolarmente delicata e largamente diffusa sul territorio regionale che riguarda la salute pubblica e le condizioni di vivibilità degli edifici privati nei centri abitati. Sempre sul tema dell’amianto segnalo inoltre:
1) la prossima scadenza (fissata al 21 aprile 2018) del termine previsto per la compilazione delle schede di “autonotifica” e segnalazione da parte dei possessori di immobili che presentino manufatti in amianto. Si tratta di una misura contenuta nell’ambito del Piano Regionale per l’Amianto, approvato dalla Giunta regionale nel maggio 2015 e finalizzato a mettere in campo una serie di iniziative coordinate finalizzate a superare questa criticità in tutta la Puglia, anche attraverso il coinvolgimento diretto e la partecipazione attiva dei cittadini che sono, ovviamente, i primi depositari di informazioni particolarmente preziose che riguardano i loro fabbricati.
2) Il Bando, ancora aperto, del Ministero dell’Ambiente rivolto ai Comuni per il finanziamento di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto, con particolare priorità riservata agli edifici scolastici (il termine è fissato al 30 aprile 2018). Disponibile dal seguente link: http://www.minambiente.it/bandi/bando-la-progettazione-degli-interventi-di-rimozione-dellamianto-dagli-edifici-pubblici

Si tratta – ha concluso Colonna – di un complesso di interventi articolati a diversi livelli, tutti finalizzati a garantire e salvaguardare l’ambiente e a rimuovere quelli che, evidentemente, possono rappresentare elementi di rischio per la salute pubblica”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.