Cellamare, il sindaco De Santis: “Ho evitato il dissesto del Comune e non ho aumentato le tasse. Mi ricandido”. E sull’esposto per infiltrazione mafiosa: “Denuncio io”

Il sindaco di Cellamare Michele De Santis: “Ho evitato il dissesto del Comune e non ho aumentato le tasse. Mi ricandido”. Esposto alla Procura per infiltrazione mafiosa: “Denuncio io”.

di Marilena Rodi

“Ho evitato il dissesto finanziario del Comune di Cellamare senza mai mettere le mani nelle tasche dei cittadini, ho pagato i debiti che l’ente aveva contratto nei decenni precedenti e non ho aumentato le tasse. In più questa amministrazione ha fatto cose mai viste in passato”. Il sindaco di Cellamare Michele De Santis, ha le idee chiare per il futuro: “Posso dire con serenità che ora che abbiamo sistemato il vecchio possiamo lavorare serenamente per il futuro, perché quello che abbiamo fatto è sotto gli occhi dei cittadini. E dal mese prossimo avremo anche una sala consiliare ufficiale”. È un fiume in piena il sindaco, che parlando delle vittorie della sua amministrazione “nonostante gli astenuti in sede di approvazione del bilancio”, sventaglia e rivendica quanto fatto per rimediare alle mancanze del passato e alle novità assolute per il paese. “Non si era mai visto il baratto amministrativo, per esempio, e noi lo abbiamo approvato anche grazie all’opposizione che ha collaborato attivamente. E poi il mercato comunale: finalmente è stato sistemato e attrezzato con contatori per l’acqua personalizzati. Cosa che prima mai nessuno si era preoccupato di fare”.

Ma andiamo per ordine, l’elenco delle “cose fatte per Cellamare” per il sindaco De Santis sono molte.

“Per prima cosa – dice ai nostri taccuini – devo ringraziare l’opposizione costruttiva di questi anni. In un comune piccolo come Cellamare è inutile farsi la guerra politica a prescindere. I cittadini, una volta che la campagna elettorale è finita, si trovano un sindaco e un’amministrazione e vogliono vedere la soluzione dei problemi, non le polemiche inutili. Per cui mi pare doveroso tenere in considerazione quello che ha fatto l’opposizione: sforzarsi di trovare delle soluzioni che giovassero prima di tutto ai cittadini”. “E così – continua De Santis – abbiamo approvato una serie di provvedimenti che regalano a Cellamare, per la prima volta, il baratto amministrativo, una sala consiliare nuova di zecca all’interno del Castello Caracciolo con arredi nuovi, un alza feretro per il cimitero (pare una banalità, ma a Cellamare non c’era), abbiamo rilanciato l’asilo nido ormai moribondo, abbiamo finalmente affidato il centro per gli anziani, abbiamo liberato dopo decenni il marciapiedi di via Marconi (pure questa, sembra una banalità ma non lo è), stiamo realizzando la nuova segnaletica, abbiamo rifatto il giardino di via Bari recuperando fondi destinati al Pirp che altrimenti sarebbero stati persi (e realizzando il punto sport), abbiamo ottenuto l’ok per i 2 campi da calcetto rientranti nel progetto metropolitano ‘Agorà’, abbiamo sistemato il mercato coperto, abbiamo rastrellato 1milione di euro per l’illuminazione cittadina a led, abbiamo recuperato 2milioni e 400mila euro per concludere i lavori al Castello e renderlo finalmente funzionale con all’interno anche la biblioteca, abbiamo recuperato il Carnevale e la maschera tipica di Cellamare, la Botticella, abbiamo ottenuto l’approvazione del Pug, abbiamo aperto il centro di raccolta comunale per i rifiuti tutti i giorni invece di 3 giorni alla settimana, ma soprattutto: abbiamo risanato le finanze del Comune senza aumentare le tasse! Questo Comune rischiava di fallire. E mica si fa con la bacchetta magica. Ci vuole lavoro e programmazione finanziaria. Ciò che prima evidentemente, non veniva fatta”. “Ci siamo trovati – aggiunge – all’inizio della consiliatura, con circa 1milione di euro tra debiti e interessi bancari e con le riforme cui ottemperare (e le minori entrate statali). In poche parole, se non avessimo trovato una soluzione per tutti questi debiti il nostro Comune rischiava di fallire. Ma ce l’abbiamo fatta. Ora la situazione è stabile”.

Sindaco, ma allora come mai è stato fatto un esposto alla Procura in cui si chiede di indagare sull’approvazione del Pug e contestualmente di sciogliere il consiglio comunale per infiltrazioni mafiose?

“Questo è un atto ignobile – risponde De Santis – e ho provveduto a trasmettere io stesso alla Procura questo esposto accompagnandolo con la richiesta, da parte mia, di indagare su chi diffama l’amministrazione. Sono certo che la magistratura farà il suo dovere”.

E dunque, adesso, nella squadra che ripresenta, chi sposa la sua ricandidatura, visto che Michele Laporta ed Eliana Zammataro sono da tempo distanti dalla sua linea politica e che Gianluca Vurchio si è tirato fuori dalla maggioranza?

“Certamente – riferisce – il nostro gruppo, che è coeso. Con me ci sono il vicesindaco Giovanni Digioia, l’assessora Fiorenza Carbonara, l’assessora Mariagrazia Losurdo, e i consiglieri Davide Di Gioia e Angela De Sario. Poi adesso mica possiamo dire tutto..”

Ma il consigliere Vurchio, in una nota stampa, a proposito del bilancio, lamenta che la maggioranza non esiste più..

“Esiste una maggioranza silenziosa, però, che non ha votato contro il bilancio, per cui i voti favorevoli sono gli unici validi”.

Annunci

3 pensieri su “Cellamare, il sindaco De Santis: “Ho evitato il dissesto del Comune e non ho aumentato le tasse. Mi ricandido”. E sull’esposto per infiltrazione mafiosa: “Denuncio io”

  1. Angelo Rotondo ha detto:

    Mi sembra che il Sindaco De Santis non abbia torto a sostenere che sia stato fatto un buon lavoro da questa Amministrazione Comunale. Spero, per il bene del paese, che anche Laporta e Vurchio vorranno rientrare e sostenere la ricandidatura De Santis.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...