Finanziamenti giovanili, Resto al Sud: ieri aula gremita di aspiranti imprenditori

Aula gremita, ieri, al convegno sui finanziamenti giovanili ‘Resto al sud’, una misura per agevolare l’imprenditoria under 35. Soddisfatto il consigliere metropolitano Lello Longobardi.

Una sala consiliare, quella della Città metropolitana, gremita di gente, ieri, lunedì 29 gennaio 2018, in occasione del convegno – voluto e promosso dal consigliere metropolitano delegati alle Politiche comunitarie Lello Longobardi – sulla misura di autoimprenditorialità ‘Resto al sud’.

Il convegno ha visto gli inteventi del sindaco metropolitano Antonio Decaro, che ha disegnato una panoramica sulle opportunità per i giovani dell’intera Aerea metropolitana di Bari e sugli interventi posti in essere dalla Città metropolitana in particolar modo dal prossimo progetto “Porta futuro” e ha rimarcato quanto sia importante per i giovani avere opportunità di autoimprenditorialità come la misura Resto al sud.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ interventuno il vice sindaco metropolitano Michele Abbaticchio, delegato alla Pianificazione strategica e generale della Città metropolitana, evidenziando come in diversi bandi ad esempio il “Bando periferie”, siano stati erogati contributi ai 41 comuni della città metropolitana volti alla riqualificazione delle aeree e di conseguenza dato avvio allo sviluppo del territorio che risulta nell’ambito delle città metropolitane d’Italia una delle più attive sulle politiche del lavoro e dell’occupazione.
Ha moderato i lavori Lello Longobardi, che ha evidenziato come la città metropolitana ha tra gli obiettivi anche quello di informare e formare amministratori locali e costituire una rete di relazioni sul territorio come è stato fatto in questa occasione di divulgazione con l’ordine dei dottori commercialisti proprio perché tali attività di diffusione devono proprio essere volti allo sviluppo socio economico del territorio.
Interventi di natura tecnica sono stati effettuati da Elbano De Nuccio, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e da Michele Locuratolo, consigliere dell’Ordine dei dottori commercialisti.
Sul dettaglio delle modalità di presentazione delle domande, sulle procedure e sui criteri di istruttoria hanno argomentato Raffaele Lagravinese, consigliere economico del ministro De Vincenti e Vincenzo Durante, responsabile occupazione e incentivi di Invitalia, istituto che si occuperà dell’istruttoria delle pratiche che saranno candidate alla misura “Resto al sud”.
“Il dibattito – ha fatto sapere Longobardi – si è concluso con grande soddisfazione dei presenti che hanno potuto inoltre formulare una serie di quesiti tecnici sulle procedure di candidatura delle domande che ricordiamo è riservato ai nuovi imprenditori nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato e dell’industria e fornitura di servizi giovani tra i 18 e i 35 anni di età, nelle regioni del Mezzogiorno d’italia”.
La misura prevede un contributo a fondo perduto fino a 50.000 euro. L’agevolazione si compone di un 35% come finanziamento a fondo perduto e il restante 65% come prestito a tasso zero riconosciuto dalle banche con la garanzia statale del Fondo centrale. Il bando prevede l’erogazione di massimo 200mila euro ad azienda.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.