Diritti a scuola, 30milioni di euro a disposizione delle scuole pugliesi. Novità: pedagogista e cyberbullismo

Diritti a scuola, 30milioni di euro dalla Regione Puglia a disposizione delle scuole pugliesi. Le novità introdotte: la figura del pedagogista e l’esperto in cyberbullismo.

Diritti a scuola, la Regione Puglia approva il bilancio e stanzia 30milioni di euro per le scuole pugliesi. Istituito nell’anno scolastico 2009/2010, dall’allora presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il progetto “Diritti a scuola” approda alla nona edizione grazie all’impegno dell’assessore Sebastiano Leo. Un provvedimento approvato ieri in Giunta regionale, mirato al potenziamento scolastico degli studenti con maggiori difficoltà nello studio o in situazioni di svantaggio, grazie al quale anche centinaia di insegnanti e personale Ata precari possono inserirsi nel mondo del lavoro, tanto arduo di questi tempi.
“Un progetto – fa sapere in una nota il consigliere regionale Mino Borraccino, di Sinistra italiana – nato contro la dispersione scolastica che viene potenziato con nuove proposte didattiche. Sono stati infatti introdotti le figure del pedagogista e dell’esperto in Cyberbullismo, per contrastare il fenomeno del bullismo online. Un progetto valido come confermato dai dati dell’attività di monitoraggio e verifica e dall’assegnazione di un premio da parte della Commissione Ue, che lo ha riconosciuto quale best practices europea nell’ambito dei fondi della politica di coesione dell’U3. 30 milioni di euro, a valere sulle risorse del Por Puglia Fesr-Fse 2014-2020, con una procedura telematica saranno a disposizione delle scuole pugliesi dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado e al biennio degli Istituti di secondo grado che avranno la possibilità di candidare i loro progetti a “Diritti a scuola 2017”, con una proposta progettuale, che sarà a breve disponibile all’indirizzo http://www.sistema.puglia.itnella sezione Formazione professionale (link diretto www.sistema.puglia.it/dirittiascuola2017)”.

Avranno priorità le scuole con maggiori livelli di dispersione scolastica, gli studenti che vivono particolari situazioni di svantaggio e che presentano maggiori difficoltà nello studio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...