di Marilena Rodi

L’emergenza neve-gelo non si arresta. Le strade in città sono invase, di nuovo, dalla neve, e le campagne sono in ginocchio. “Siamo abbandonati”, racconta Francesco Villari, imprenditore e produttore casamassimese. “Non è la prima volta che nevica, ma è la prima volta che ci sentiamo soli quaggiù. Le campagne sono scollegate dal paese e finora non si è visto nessuno. In passato, nei casi medesimi, c’era sempre qualcuno che ci chiamava per sincerarsi della nostra condizione. Non conosco la situazione delle altre masserie, ma la mia è abbandonata”. Verrebbe da sorridere se si pensa alle numerose iniziative intraprese dagli organismi locali (enti e associazioni) presso la masseria di Villari. Iniziative, hanno detto in molti, utili per il turismo rurale proprio nelle campagne casamassimesi. Ci aspettiamo che qualcuno intervenga.

campagna-villari
La campagna intorno alla masseria di Francesco Villari

Francesco Villari, imprenditore fiore all’occhiello di Casamassima, e nel consiglio di amministrazione di Granarolo, intanto riferisce che la situazione della produzione del latte non è delle più rosee. “Lo stabilimento di Gioia del Colle è isolato. La Statale 100 è chiusa e il latte, laddove e qualora possibile, è stato dirottato presso altri stabilimenti. Siamo in ginocchio, stiamo chiedendo lo stato di calamità naturale”. Lo stabilimento di Gioia del Colle della Granarolo è bloccato da sabato scorso, e il latte sarà lavorato in altri stabilimenti del gruppo, al nord, almeno fino a metà settimana. “La mancata produzione – rende noto l’azienda in una nota – è imputabile in parte all’impossibilità per i mezzi di raccolta di raggiungere gli allevamenti di Puglia, Basilicata e Molise e alla impraticabilità della viabilità principale che impedisce di raggiungere lo stabilimento, in parte ai danni che il perdurare di una situazione di freddo anomalo ha provocato allo stabilimento”. Per il gelo, infatti, sarebbero state danneggiate tubazioni, valvole, raccordi, compressori d’aria e il demineralizzatore. Lo stabilimento di Gioia del Colle lavora ogni giorno 200mila litri di latte raccolto da 11 mezzi presso 224 stalle pugliesi e lucane, socie della cooperativa Granlatte. Sarebbero circa 350mila i litri di latte bloccati nelle stalle e nelle cisterne lungo le strade di Puglia e Basilicata. “Le difficoltà maggiori – precisa la nota – oggi sono in capo alla parte agricola, infatti l’impossibilità di consegnare sta costringendo gli allevatori a buttare quintali di latte e la mancanza di energia elettrica e/o di acqua sta creando seri problemi per la mungitura e per l’alimentazione del bestiame”.

Le previsioni, intanto, non sono calde. Per questa notte, infatti, sono previsti picchi fino a -7°. E l’allerta meteo resta costante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...