Emergenza neve, 80 mezzi all’opera. In alcuni tratti anche 3 metri di neve. Ecco la situazione delle strade

[m.r.]

Oltre 80 i mezzi all’opera – compresi 3 cingolati – sulle strade del territorio metropolitano di Bari fino a ieri sera. “Sono centinaia – ha fatto sapere proprio ieri sera Michelangelo Cavone, il consigliere metropolitano delegato alla Promozione e coordinamento dei sistemi di viabilità e trasporti – le persone tratte in salvo negli ultimi giorni a seguito dell’intervento dei mezzi della Città metropolitana su richiesta della Prefettura. Abbiamo impiegato tutti i mezzi a nostra disposizione per far fronte a una situazione eccezionale che nella nostra terra non si verificava da trent’anni. Già nei giorni scorsi, in previsione di questo straordinario evento meteorologico, abbiamo invitato le imprese del territorio, dotate dei mezzi necessari, a darci la propria disponibilità ad intervenire, raccogliendo l’adesione di diverse imprese che, assieme a quelle con cui è in corso un contratto d’appalto, stanno lavorando ininterrottamente da giovedì scorso prima attraverso l’azione preventiva di spargimento del sale, poi con l’attività meccanica di pulizia delle strade dalla neve e dal ghiaccio. Purtroppo, sin dalle prime ore dell’emergenza, nonostante l’invito della Prefettura e l’ordinanza della Città metropolitana che impone l’uso obbligatorio delle catene per la circolazione, in molti hanno disatteso le prescrizioni costringendo i numerosi mezzi a nostra disposizione, su richiesta della Prefettura, a prestare soccorso ai cittadini in difficoltà. In queste ore sono state contattate anche altre imprese al fine di supportare quelle che già operano sul territorio in previsione della nuova ondata di gelo prevista per le ore serali. Entro stasera contiamo di rendere tutte le strade percorribili, ma sempre ed esclusivamente con l’utilizzo delle catene”. 

La dorsale murgiana, compresa tra Poggiorsini, Gravina, Altamura, Santeramo in Colle, Cassano delle Murge, Acquaviva delle Fonti, Gioia del Colle e Noci, è stata interessata da eccezionali precipitazioni nevose che hanno causato una posa sul manto stradale di 1-2 metri di neve, fino a 3 metri tra Corato e Poggiorsini. Pertanto, tutti i mezzi della Città metropolitana di Bari hanno operato, e continuano a farlo senza sosta, per consentire la praticabilità della rete stradale. Per quanto riguarda la SP 236 (Santeramo-Cassano e Santeramo-Jesce), circa 20 chilometri di strada sono stati interessati da un ingente strato di neve, liberati nel corso della mattinata, così come il tratto Santeramo-Altamura e la SP 235 (Santeramo-Gioia), sulla quale sono stati aperti varchi, anche su strade comunali, per permettere di raggiungere le numerose masserie e insediamenti abitativi isolati a causa del maltempo. La SP 231 (ex 98) ha mantenuto la propria piena funzionalità durante le giornate di gelo grazie al presidio continuo dei mezzi spalaneve e spargisale della Città metropolitana.

L’ospedale Miulli, colpito in pieno dall’emergenza meteo, è stato reso costantemente raggiungibile dall’impiego dei mezzi cingolati Città metropolitana di Bari. Infatti, tanti casi di pazienti dializzati sono stati supportati dai mezzi d’opera che hanno lavorato senza interruzione anche durante le tempeste di neve sin dalla notte dell’Epifania. Il territorio in agro di Altamura (zone di Ruvo, Corato e Poggiorsini) è stato interessato da numerosissimi casi di cittadini rimasti in panne con i propri mezzi in quanto sprovvisti di catene o pneumatici termici, circostanza che ha obbligato i mezzi della Città metropolitana a prestar loro soccorso per mettere in salvo famiglie, alcune con bambini piccoli, e turisti, sottraendo così forze al lavoro necessario per sgomberare le strade dalla neve.

Altra problematica affrontata dalla Città metropolitana di Bari ha riguardato anche l’accesso alle imprese zootecniche diffuse sui territori citati, al fine di liberare le strade minori o private per consentire il rifornimento di mangimi destinati agli animali e il trasporto di derrate alimentari. Un’attività ancora in corso e che proseguirà fino alla completa risoluzione delle criticità. La SP 230 (Gravina-Poggiorsini), così come la SP 236 (Santeramo-Bari), la SP 239 (Noci-Gioia del Colle), la SP 237 (Alberobello-Monopoli), a seguito degli interventi dei mezzi della Città metropolitana sono percorribili con l’utilizzo di catene, considerata la presenza di ghiaccio sulla sede stradale.

Le scorte di sale nei depositi delle ditte appaltatrici della Città metropolitana hanno consentito un’attività di salatura su tutta la rete stradale provinciale che proseguirà sino al termine delle esigenze. Il collegamento con la SP 18 (Altamura-Cassano) è stato ripristinato nelle prime ore di ieri mattina anche a seguito dell’utilizzo di una pala gommata fuori sagoma che ha liberato la sede stradale da una coltre di neve che, nei tratti più alti, ha toccato i due metri di altezza. Moltissime residenze e villaggi in agro di Cassano sono stati raggiunti, consentendo l’intervento da parte dei tecnici Enel, a bordo dei mezzi della Città metropolitana al fine di ripristinare l’erogazione dell’energia elettrica. Anche questo tipo di attività di soccorso proseguono in base alle richieste che giungono in queste ore dalla Prefettura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...