Emergenza scuole e strade, lo sfogo di Laporta: “La Regione faccia la sua parte”

[m.r]

“Scuole e strade hanno urgente bisogno di manutenzioni e messa in sicurezza. Necessità ed urgenze pienamente condivise ma che non trovano attuazione perché la Città metropolitana è ingessata dai vincoli di spesa imposti dallo Stato, vessata dalle crescenti richieste di contribuzione con fondi propri alla finanza pubblica (nel 2016 abbiamo già versato allo Stato complessivamente ben 40milioni di euro) e costretta ad anticipare ingenti risorse proprie per garantire servizi e funzioni non più di nostra competenza ma della Regione”. Lo sfogo del consigliere metropolitano Michele Laporta, già sindaco di Cellamare per 10 anni e oggi delegato al bilancio e alla programmazione economica, alla luce delle pressanti, legittime e condivisibili, richieste finanziarie rinvenienti dai servizi viabilità ed edilizia scolastica, funzioni fondamentali dell’ente di via Spalato. 

“Servono urgenti correttivi legislativi nella legge finanziaria 2017 – è il ragionamento – e la concreta presa in carico da parte della Regione delle funzioni che essa stessa si è attribuita con la legge di riordino approvata in via definitiva ad aprile scorso. Basti pensare che per il 2016 solo per le politiche attive del lavoro, funzione regionale e statale, si prevede una spesa complessiva a carico della città metropolitana di Bari di oltre 4milioni di euro mentre per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, nostra funzione fondamentale, poco più di 2milioni di euro. Una situazione paradossale non più sostenibile”. “In assenza di modifiche dello stato attuale – continua Laporta – in qualità di consigliere delegato è mia intenzione proporre per il prossimo bilancio di previsione di azzerare tutti quei capitoli di spesa per servizi e funzioni non più di nostra competenza (formazione, welfare, politiche attive del lavoro etc…) e di destinare più risorse per strade e scuole in quanto di nostra stretta ed esclusiva responsabilità e per le quali potremmo essere chiamati a rispondere civilmente e penalmente”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...