Si è tenuto lunedì scorso 3 ottobre, nell’aula consiliare del Comune di Rutigliano, un tavolo intercomunale – al quale ha partecipato anche Casamassima attraverso l’assessore alle politiche agricole del Comune, Rocco Bagalà – convocato per discutere e cercare di fronteggiare il problema dei raccolti andati perduti, o drasticamente ridottisi, a seguito degli eventi atmosferici degli ultimi mesi.A questo appuntamento, oltre a Casamassima, hanno preso parte anche i sindaci e i rappresentanti e gli amministratori dei Comuni di Rutigliano, Mola di Bari, Cellamare, Polignano a Mare, Noicattaro, Rutigliano, Adelfia, Capurso, Bitetto, Acquaviva delle Fonti, Sannicandro di Bari, e Conversano, ma anche l’onorevole Nuccio Altieri, un rappresentante di Coldiretti e agricoltori e operatori del settore. Tutti gli intervenuti della parte politica, dopo aver rappresentato le difficoltà enormi che stanno vivendo gli operatori agricoli a causa del maltempo che sta continuando a colpire il nostro territorio, hanno sottoscritto un documento comune attraverso il quale è stato chiesto alla Regione Puglia, e ai competenti organi di Governo, di attivarsi con la massima urgenza affinché si possa prendere atto della grave situazione venutasi a determinare per il comparto, con il conseguente riconoscimento dello stato di calamità naturale e di tutto ciò che poi ne consegue. Le amministrazioni che hanno partecipato all’incontro, inoltre, si sono impegnate a indire, nelle prossime settimane, un consiglio comunale monotematico nel quale discutere delle problematiche legate all’agricoltura e delle iniziative da mettere in campo per  cercare di risolverle.
Questa richiesta, maturata all’unisono da questo confronto, segue altre due sollecitazioni inviate dall’amministrazione comunale di Casamassima prima alla Regione, il 26 maggio scorso, e poi allo stesso ente ma anche a Città Metropolitana, Prefettura e Ministero delle politiche agricole e forestali, l’11 agosto scorso.
Nella prima delle due richieste, quella di maggio, il sindaco Vito Cessa, e l’assessore alle politiche agricole, Rocco Bagalà, avevano chiesto all’assessore regionale all’agricoltura, Leonardo Di Gioia, il riconoscimento dello stato di calamità naturale e lo stato di crisi per gli eventi atmosferici che avevano duramente colpito le colture a ciliegia, mentre nella seconda, quella di agosto, il vicesindaco Andrea Palmieri, e ancora l’assessore Bagalà, erano tornati a rinnovare la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale, a seguito delle forti piogge e delle grandinate verificatesi il 6 e 7 agosto.
Adesso, invece, è arrivata – all’unisono – la voce dei rappresentanti dei 13 Comuni della zona, dell’onorevole Altieri, e di rappresentanti ed esponenti delle diverse categorie.
“Il mondo dell’agricoltura – ha fatto presente l’assessore Bagalà durante questo tavolo – è di vitale importanza per Casamassima, ma anche per tutti i comuni vicini. La materia è molto delicata, i problemi sono tanti, per questo chiedo che tutti i Comuni interessati dalla questione si impegnino a creare un tavolo tecnico intercomunale dell’agricoltura, al quale sederci periodicamente per tentare di risolvere o quantomeno rendere meno gravose tutte le problematiche che affliggono il settore. Casamassima, così come tutte le località rappresentate in questo appuntamento, non possono prescindere dall’agricoltura, motore trainante della nostra economia, che va quindi difesa e tutelata attraverso tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...