Casamassima, bilancio a rischio: l’opposizione chiede l’intervento della Corte dei conti

di Marilena Rodi

Tempi duri per l’amministrazione Cessa. I consiglieri comunali di opposizione del Comune di Casamassima chiedono “di rendere attuale il loro parere sul provvedimento ‘assestamento e salvaguardia degli equilibri di bilancio’ previsto all’ordine del giorno del consiglio comunale del 29 agosto 2016 dal momento che a oggi il bilancio risulta fortemente squilibrato”. Così si sono espressi i consiglieri sottoscrittori dell’atto inviato contestualmente al Collegio dei revisori dei conti del Comune di Casamassima, al funzionario responsabile del servizio, alla presidente del consiglio, al Prefetto di Bari e alla Corte dei conti, e protocollato martedì mattina.

La richiesta prende spunto dalla nota del comandante della Polizia locale, Ivano Eramo, protocollata dallo stesso il 9 agosto scorso. Richiesta, “vista la nota con cui il comandante della Polizia locale del Comune di Casamassima ha comunicato un costo maggiore del servizio rifiuti per circa 330mila euro – scrivono i consiglieri di minoranza – e considerato che da un po’ di tempo circolano voci non rassicuranti sulla circostanza che somme rilevanti di tributi non sono mai state riscosse e, quindi, sono ormai divenute inesigibili, e rilevato che le predette circostanze rendono, di fatto, privo di efficacia il parere reso dalle Signorie loro a fronte di una situazione finanziaria ivi rappresentata che oggi non risulta corrispondere a quella attuale”; e visto – scrivono ancora – che con periodicità stabilita dal regolamento di contabilità dell’ente locale, e comunque almeno una volta entro il 31 luglio di ciascun anno, l’organo consiliare provvede con delibera a dare atto del permanere degli equilibri di bilancio o, in caso di accertamento negativo, ad adottare le misure necessarie a ripristinare il pareggio qualora i dati della gestione finanziaria facciano prevedere un disavanzo di gestione o di amministrazione; ad adottare i provvedimenti per il ripiano degli eventuali debiti; ad adottare, infine, le iniziative necessarie ad adeguare il fondo crediti di dubbia esigibilità accantonato nel risultato di amministrazione in caso di gravi squilibri riguardanti la gestione dei residui.

La gravità della situazione in cui è ricorso il Comune di Casamassima – secondo i consiglieri – potrebbe rientrare in quei casi in cui il legislatore stabilirebbe il commissariamento: la mancata adozione – prevedrebbe la legge – da parte dell’ente, dei provvedimenti di riequilibrio previsti dal presente articolo è equiparata a ogni effetto alla mancata approvazione del bilancio di previsione.

Annunci

Un pensiero su “Casamassima, bilancio a rischio: l’opposizione chiede l’intervento della Corte dei conti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...