Casamassima, bilancio partecipativo: speriamo non sia un flop

di Marilena Rodi

Come dire. La volontà c’è, i soldi pure. L’esperimento s’ha da fare. Ma in tutto ciò, speriamo non sia un flop. Ieri sera – dopo l’incontro preliminare svoltosi all’Addolorata il 15 luglio scorso – è andata in scena la seconda puntata alle Officine ufo. Sindaco, giunta, e capogruppo del Pd in consiglio comunale Antonio Manzari, aiutati dai facilitatori della discussione Nello De Padova e Pino Gadaleta, hanno illustrato al pubblico in sala la composizione di un bilancio comunale (capitoli e poste etc.) e hanno invitato questi cittadini a offrire il proprio contributo libero – in termini di idee – per la realizzazione di un progetto da 20mila euro. Le aree cui dedicare le risorse progettuali e finanziarie: politiche giovanili, welfare, attività scolastiche ed educative, ambiente, ecologia, qualità urbana e aree verdi, cultura, sport e tempo libero, turismo, marketing territoriale e sviluppo economico, mobilità urbana.

Gli assessori allo Sport Giuseppe Cristantielli e alle attività produttive Rocco Bagalà, dal canto loro, hanno comunicato su quali versanti sarà impegnata la loro attività. Fontanine come luogo di aggregazione e nuovi percorsi turistici per Cristantielli; nuovo brand per Casamassima (in enogastronomia e artigianato) per Bagalà. Le suggestioni degli assessori, spiegate con dati alla mano e slide riepilogative, sono state accolte dal pubblico il cui compito era quello di provare a immaginare gli interventi del futuro. Cosa, chi, quando, dove, come e perché sono le domande cui gli stessi cittadini dovevano rispondere immaginando questi interventi del futuro. Esempio: Maria ha proposto l’attivazione (ovvero il ripristino) della biblioteca comunale come luogo di lettura, aggregazione, cultura, studio per tutti i cittadini, non solo studenti. Su questo stimolo il gruppo di lavoro specifico – che sarà costituito venerdì prossimo 29 luglio – proverà a organizzare un progetto da 20mila euro da sottoporre a votazione e se risulterà quello vincente sarà finanziato.

bilancio partecipativo_sala

Oltre al progetto di Maria, c’era quello di un’altra cittadina che provava a proporre supporti sportivi da inserire nelle scuole, oppure quello di un cittadino giovane che provava a proporre di amare di più il paese (con percorsi di educazione civica, forse), oppure quello di Antonio che proponeva di valorizzare quello che c’è già e che non è conosciuto. Oppure, ancora, quello di Domenica che proponeva di mettere in rete le masserie per valorizzare i percorsi turistici. Una cinquantina le persone totali presenti in sala su 20mila cittadini casamassimesi (oltre alla giunta e a Manzari, due consigliere comunali); una dozzina le aree in cui poter progettare, 20mila euro stanziati da assegnare.

Ventimila euro sono un numero: risicato per certi versi, abbondante per altri. La speranza è che non siano 20mila euro destinati a interventi opinabili. Prossima puntata mercoledì 27 luglio sempre alle Officine ufo; ultima puntata venerdì 29 luglio. Gli incontri cominciano alle 18.30.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...