Casamassima, atto vandalico e la Ciari resta chiusa

di Gianluca Zaccheo

Un atto vandalico. L’ennesimo. Che ha causato delle nuove infiltrazioni d’acqua in alcune zone della scuola e, di conseguenza, la chiusura del plesso per l’intera settimana (scorsa, ndr). Il tutto al fine di consentire lavori di ripristino della guaina protettiva e, quindi, il normale ritorno alle attività didattiche. Ritorno alla normalità previsto per lunedì prossimo, 28 settembre.

Proprio non c’è pace per l’asilo cittadino di via Don Gaetano Grandolfo, Bruno Ciari. Con l’istituto d’istruzione – come spiegato dal sindaco Vito Cessa, dalla responsabile del servizio tecnico comunale, Francesca Sorricaro, e dalla dirigente scolastica del secondo circolo didattico Rodari, (del quale la Ciari fa parte), Rosanna Brucoli – che ha dovuto subire l’ennesimo atto di inciviltà. Con tanto di guaina strappata sul tetto e di pluviali ostruiti da bottiglie di vetro e plastica lasciate al loro interno, in modo da intasare il passaggio delle acque piovane e il loro regolare e normale deflusso.

“A seguito di un sopralluogo effettuato alla Ciari – ha spiegato il primo cittadino, Vito Cessa, nel corso di una riunione convocata alla scuola Rodari, alla quale hanno preso parte tanti genitori dei piccoli alunni del cosiddetto ‘Fungo’ – abbiamo verificato che la guaina e i pluviali avevano subito dei danneggiamenti, determinati da atti vandalici. Così io stesso ho emesso un’ordinanza di chiusura della scuola dallo scorso lunedì a venerdì 25 (proprio il giorno in cui noi arriviamo in edicola, ndr). E questo per consentire interventi di sistemazione della guaina stessa, con l’utlilizzo di nuovo materiale antitaglio, per un valore di 6.000 euro complessivi. Dal canto mio ho già dato mandato alla polizia municipale affinché le telecamere di videosorveglianza piazzate tra via Lapenna e via Grandolfo possano fare chiarezza sull’accaduto, ma rivolgo anche un invito a tutti voi: quello di sorvegliare il nostro territorio e di segnalare a me, ai vigili urbani, o ai Carabinieri, qualsiasi situazione sospetta che possa generare pericolo nei confronti del patrimonio pubblico, che è di tutti. Dobbiamo portare avanti tutti insieme il nostro impegno di civiltà, nell’ottica di ottenere una città più bella e vivibile, e per questo chiedo aiuto a tutti voi. Le scuole per la nostra amministrazione sono una priorità, al pari del sociale, tant’è vero che pur tra mille difficoltà legate ai tagli dello Stato e ai conti da far quadrare, abbiamo inserito nel bilancio di previsione 2015 un aumento della spesa per la manutenzione ordinaria degli edifici scolastici pari a 40.000 euro. Siamo passati, dunque, dai 3.000 euro che abbiamo trovato come residuo a un totale di 43.876. Ma non possiamo fare miracoli che non può compiere nessuno. Una cosa però possiamo farla, e la stiamo già facendo: prestare attenzione alle nostre scuole, tutelarle, anche col vostro aiuto, che è fondamentale”.

“Arrivata a scuola lunedì scorso assieme al sindaco, dopo essere stata chiamata col primo cittadino alla Ciari dalla dirigente Brucoli – ha osservato dal canto suo Francesca Sorricaro – ho dato inizio a un sopralluogo. E ho constatato che a seguito di atti vandalici che hanno danneggiato la guaina e ostruito i pluviali, alcuni spazi dell’ asilo – non le aule – presentavano delle pozzanghere al loro interno frutto di infiltrazioni. E così abbiamo subito fatto un computo metrico, quantificato i danni, e dato inizio all’iter che ha poi subito portato all’inizio degli interventi per rimettere a posto la situazione. In realtà sarebbero bastati un paio di giorni per riportare tutto alla normalità ma, d’accordo col sindaco, abbiamo preferito non rischiare che eventuali piogge creassero dei problemi, così il sindaco ha emesso un’ordinanza di chiusura per tutta la settimana. Tengo a precisare, però, che nella Ciari vi è stata solo qualche piccola infiltrazione, ma nessun allagamento. E non vi è alcun pericolo statico – sismico, perché anche da questo punto di vista il plesso che accoglie l’asilo ha ricevuto tutte le certificazioni necessarie. Ci siamo trovati di fronte a un atto vandalico imprevedibile, che ha danneggiato uno dei pochi tratti di guiana che non erano stati interessati dagli ultimi lavori di messa in sicurezza, perché risultati idonei a precedenti controlli. Poi è arrivato quest’atto vandalico che ci ha obbligato a intervenire di corsa, così come abbiamo fatto”.

“Lunedì scorso – ha detto invece la dirigente scolastica, Rosanna Brucoli – resami conto della situazione e della presenza di acqua all’interno del plesso, ho subito contattato la responsabile dell’ufficio tecnico e il sindaco. Che immediatamente sono arrivati a scuola per cercare di risolvere i problemi. Mai prima d’ora avevo trovato tanta disponibilità e sollecitudine da parte dell’amministrazione. Allora chiedo a tutti i genitori di non lasciarci strumentalizzare e di non strumentalizzare la scuola, ma di operare sempre per l’obiettivo comune: offrire ai nostri piccoli studenti una scuola accogliente. Questo è il nostro scopo, e tutti dobbiamo andare in questa direzione”. I genitori presenti hanno invece chiesto al sindaco Cessa di fare tutto quanto possibile per far sì che episodi di questo tipo non si ripetano più. “Promettere che nessuno si renda più responsabile di atti di questo tipo – ha concluso il primo cittadino – è impossibile. Così come impossibile è monitorare un territorio vasto come quello casamassimese 24 ore su 24. Ho chiesto al comandante della locale stazione dei Carabinieri, Filippo Falcone, e a quello della Polizia municipale, Ivano Eramo – di intensificare i controlli, soprattutto nelle ore notturne, in prossimità delle nostre scuole ma anche di altre zone nelle quali si ripetono non di rado vandalismi, e ho ricevuto da parte loro disponibilità e collaborazione. Ma anche ognuno di noi deve fare la sua parte, vigilando sul patrimonio pubblico e informando le forze dell’ordine se si nota qualcosa di anomalo. Ognuno di noi deve fare la propria parte”.

[pubblicato su il foglio di Maxima del 25 settembre 2015]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.